Browsing "Ricette di cucina"
Gen 11, 2012 - Ricette di cucina    22 Comments

Straccetti di pollo ai sapori dell’orto

Cara Lilli,

oggi ti propongo una ricettina sfiziosa e gustosa per chi ama il petto di pollo ma non vuole magari cucinarlo sempre allo stesso modo (alla piastra o a cotoletta).

Un bel po’ di tempo fa avevo giusto del petto di pollo da cucinare per secondo, ma non volevo farlo nei modi su citati…e allora ho preso un pò di cose dal frigorifero e ho assemblato un saporito piattino!

Da allora l’ho rifatto più volte perché è piaciuto J

Ecco le dosi:

– 400 gr di petto di pollo

– 1 melanzana

– 1 zucchina

– 1 carota

– mezza cipolla

– farina  

– olio extravergine d’oliva 

– sale

 

Metto dell’olio in una padella e faccio dorare la cipolla affettata sottilmente; ci  aggiungo le verdure lavate e tagliate a pezzetti e sala il tutto, lasciando cuocere a fuoco medio.

Intanto taglio il petto di pollo a striscioline senza badare a che siano precise e uguali (se no che straccetti sarebbero!!).

Quando le verdure si sono quasi cotte, le tolgo dalla padella e al loro posto ci metto le striscioline di pollo dopo averle infarinate, sfruttando lo stesso olio delle verdure (già insaporito) ed aggiungendone un altro pò se necessario. Salo il pollo e lo faccio rosolare a fuoco vivace e quando si è colorito verso in padella di nuovo le verdure, per ultimare la cottura.

Tutto qui!

 

secondi piatti,ricette,pollo,ortaggi,melanzane,zucchine,carote,cipolle

 

 Buon appetito, Lilli!

 

Dic 27, 2011 - Ricette di cucina    8 Comments

Idea sfiziosa: Mattonella variopinta light

Cara Lilli,

dopo una “tre giorni” di fuoco (Vigilia, Natale, S. Stefano) dal punto di vista mangereccio, ho pensato di postare un’idea sfiziosa, facilissima e soprattutto leggera per riprenderci un tantino dalle abbuffate varie!

Questa “mattonella” può essere un antipasto o un contorno sfizioso in alternativa magari ad un’insalata russa con la maionese che è più pesante o anche un piccolo secondo se si vuole restare leggeri J

  

Per una mattonella monodose ho usato:

– una Philadelphia light da 80 gr (o altro formaggio spalmabile simile)

– un cucchiaio di pisellini lessi,

– un cucchiaio di patate lesse a dadini

– un cucchiaio di carote lesse a dadini

(volendo esitono i tris di queste verdure lesse in scatola, già belle e pronte!)

 

Dunque: ho semplicemente lavorato un pò la Philadelphia per ammorbidirla, ci ho mischiato i pisellini, le patate e le carote lesse tagliate a dadini piccoli ed ho sistemato il composto in un contenitore quadrato di plastica mignon (cm 8×8) premendolo un pò per cercare di non far restare vuoti laterali (ma qualcuno un tantino è rimasto…si può essere più precisi, lo so)

Ho messo in frigo per un pò e poi al momento di mangiare ho “sformato” la mattonella in un piattino, l’ho guarnita con delle foglioline di menta e l’ho gustata bella fresca fresca

 

NOTA: naturalmente si possono fare tante mattonelle monodose ma anche un’unica mattonellona con uno stampo quadrato o rettangolare grande aumentando le dosi in proporzione 😉

 

 

ricette,ricette light,philadelphia light,verdure lesse,antipasto,contorno

 

ricette,ricette light,philadelphia light,verdure lesse,antipasto,contorno

Buon appetito, Lilli!

 

 

Dic 19, 2011 - Ricette di cucina    14 Comments

Struffoli “del suocero”

Cara Lilli,

ora che è tempo di Feste Natalizie qui in Campania si usa preparare gli struffoli, dolcetti deliziosi della nostra tradizione che io sempre apprezzato e gustato ma che non avevo mai preparato di persona fino a quando non mi sono sposata: nelle Feste 2006/2007 ho deciso di provare a farli soprattutto per fare piacere a mio suocero che ne è molto goloso e che da tempo desiderava mangiarli di nuovo come li preparava la sua mamma e cioè con una variante rispetto alle ricette più diffuse, perchè questa non prevede il miele per “incollare” tra di loro gli struffoli bensì lo zucchero.

Non vi dico la faccia mio suocero quando gli feci per la prima volta la sorpresa portando in tavola un bellissimo vassoio di struffoli con lo zucchero!! Era raggiante e anche un pò commosso, a dire il vero 🙂

Eccoti gli ingredienti, Lilli:

– farina gr.500
– uova 3 intere + 3 tuorli
– zucchero gr.100
– burro gr. 70
– sale 1 pizzico
– bicarbonato 1 cucchiaino da caffè
– vanillina 1 bustina
– aroma di rum 1 fialetta

x friggere:
– olio di arachidi o di girasole

x guarnire:
– zucchero gr. 250 ca.
– acqua q.b.
– diavolini
– canditi
– confettini all’anice

Su una spianatoia impastare la farina con tutti gli ingredienti. Lavorare bene l’impasto. Una volta che è diventato compatto e non appiccicoso (se serve si aggiunge un altro pò di farina) si lascia riposare per 1 ora lontano da correnti d’aria.
Dopo tale tempo, si formano tanti rotolini di pasta spessi un dito e si tagliano a tocchetti lunghi circa 1 centimetro (tenendo conto che nel friggere aumentano di volume).
Mettere a scaldare abbondante olio in una padella e friggere gli struffoli (io consiglio non troppi alla volta) togliendoli dopo uno/due minuti se no rischiano di bruciare e poi metterli ad asciugare su carta assorbente.
A questo punto mettere lo zucchero a sciogliere sul fuoco in una capiente casseruola con poca acqua. Appena si liquefa, prima che si caramelli versarci gli struffoli, spegnere il fuoco e girare rapidamente.
Porre infine gli struffoli “zuccherati” in un piatto da portata o un vassoio e guarnirli con canditi, diavolini e confettini all’anice.

Ed ecco qui un vassoio di struffoli pronti per essere mangiati, magari “pizzicandoli” con le dita…che forse è un modo poco elegante ma tanto tanto simpatico di gustarli 😉

 

ricette,dolci,dolci natalizi

E se si vuole ottenere un effetto “neve” più accentuato (io una volta l’ho fatto) basta abbondare con lo zucchero e si avrà un risultato così:

ricette,dolci,dolci natalizi

Buon appetito, Lilli!

 

Dic 5, 2011 - Ricette di cucina    38 Comments

Le insolite cotolette

Cara Lilli,

io amo le cotolette, chi mi conosce lo sa. Di pollo, di vitello, di maiale….tutte!

Però, a volte, per non fare le “solite cotolette” di carne, preparo cotolette “alternative” 😉

Tendo a “cotolettizzare” un sacco di cose, sai? Si, lo so…i fritti non fanno molto bene, ma alle cotolette io non so dire di no! Anche a mio marito piacciono e quindi andiamo d’accordo su questo punto 🙂

Oggi ti propongo 3 “insolite” cotolette: di platessa, di polenta e di mortadella.

Senza dilungarmi troppo, ti dirò che vale per tutte il procedimento di:

1) infarinatura,

2) “tuffo” nell’uovo sbattuto (e salato)

3) passaggio nel pangrattato

4) cottura in padella, in olio bollente (io per i fritti adopero quello di semi di arachidi o di girasole)

NOTE

Per le COTOLETTE DI PLATESSA io uso per lo più i filetti surgelati: li lascio in acqua per un pò finchè non tornano morbidi. Li tampono, poi, con carta da cucina per eliminare l’acqua in eccesso prima di infarinarli ecc.

ricette,cotolette,pesce,platessa,polenta,mortadella,uova,farina,pangrattato

 

 

Per le COTOLETTE DI POLENTA: preparo la polenta semplice, la metto in un contenitore rettangolare o quadrato di plastica mentre è ancora molle, la presso ben bene, senza lasciare vuoti e la lascio raffreddare. Dopo di che la “sformo” su un tagliere e la affetto, facendo fette spesse un centimetro circa che passo a infarinare ecc.

ricette,cotolette,pesce,platessa,polenta,mortadella,uova,farina,pangrattato

 

 

Per le COTOLETTE DI MORTADELLA: uso le mortadelline intere, quelle a salamino per capirci, e le affetto come la polenta, non troppo spesse. 

ricette,cotolette,pesce,platessa,polenta,mortadella,uova,farina,pangrattato

 

Come si nota dalle foto (tutte di repertorio!) per smorzare il gusto un pò “pesante” del fritto accompagno sempre le cotolette con insalatine varie 🙂

E dunque non mi resta che augurarti…Buon appetito, Lilli!

 

Nov 24, 2011 - Ricette di cucina    28 Comments

Plumcake al cocco senza latte

Cara Lilli,

la ricetta che ti propongo oggi è l’ennesima mia versione di un dolce semplice e che riscuote sempre successo in casa mia: ossia il plumcake!

Io amo provare tanti gusti differenti, anche magari grazie a piccole varianti, per plumcake sempre nuovi e lo stesso faccio con i muffins 🙂

Mi sono accorta che qui sul blog finora non ti avevo mai scritto ricettine di plumcake…assurdo!! Rimedierò man mano, promesso 😉

Stavolta ho pensato di fare un plumcake al cocco, dal sapore però non eccessivamente “carico” per non risultare stucchevole e anche più leggero perchè senza latte ma con il mio ingrediente “jolly”: l’acqua frizzante!

Ho fatto un pò di proporzioni, ho pensato e ripensato e alla fine ho usato queste dosi qui e mi sono trovata bene:

– farina 00 gr 200

– farina di cocco 8 cucchiai (o 10 per un sapore più marcato)

– zucchero gr 120

– olio di semi ml 50 (io ho usato quello di girasole)

– acqua frizzante ml 100

– uova n.2

– 1/2 bustina di lievito vanigliato

Ho montato le uova con lo zucchero fino a che sono diventate belle spumose, ho unito l’olio di semi a filo continuando a frullare e poi, con una leggera mescolata, l’acqua frizzante.

Infine ho incorporato al composto la farina 00, la farina di cocco e il lievito vanigliato, amalgamando il tutto.

Ho imburrato e infarinato uno stampo da plumcake e vi ho versato il composto ottenuto, infornando a 160° per 40 minuti.

Consiglio comunque di fare sempre la prova-stuzzicadenti per verificare il grado di cottura 😉

Il risultato? Buono, morbido (anche dopo 2 giorni, conservato nel portadolci con coperchio) e adattissimo per la prima colazione o per accompagnare una tazza di tè pomeridiano.

 

ricette,plumcake,acqua frizzante,dolci,cocco,farina di cocco

 

ricette,plumcake,acqua frizzante,dolci,cocco,farina di cocco

 Buon appetito, Lilli!

 

PS: mio marito (che carino!) ha detto che, a parte il buon sapore, di aspetto sembrava proprio uno dei plumcake monoporzione che si comprano, tipo quelli del “Mulino….” per capirci 😉 però “ingrandito” ihihih 🙂

 

Pagine:«1234567...13»