Nov 11, 2011 - libri e fumetti    18 Comments

I venerdì del libro (62°): LA STORIA INFINITA

Cara Lilli,

sai una cosa? Pensando all’abituale appuntamento con il venerdì del libro lanciato da Paola di HomeMadeMamma mi sono resa conto improvvisamente di averti parlato di tanti libri del mio autore-mito (come lo chiamo io!) Michael Ende, ma di non aver mai proposto la sua opera-simbolo, ossia LA STORIA INFINITA.

Inutile dire che è uno dei miei libri preferiti….ma non il preferito in assoluto, ad essere sincera. Cioè, è quello che forse Ende ha scritto meglio, il più strutturato, il più minuziosamente studiato e il più fantastico tra i suoi lavori, ma più caro al mio cuore, per non so neppure io quale ragione, resta “La notte dei desideri“.

Ad ogni modo, La Storia Infinita, se si è amanti del genere fantasy, è senza dubbio un punto fermo, un caposaldo.

Il testo è bicolore, cosa sfiziosissima: rosso per le parti ambientate nel mondo degli uomini e verde per le parti ambientate invece nell’immaginario Regno di Fantàsia.

La trama è alquanto nota: si tratta della storia di un bambino, Bastiano, che per sfuggire a dei compagni di scuola che lo prendono in giro e lo maltrattano si rifugia in una vecchia libreria da cui porta via (con l’intenzione poi di restituirlo) uno strano libro intitolato (guarda tu il caso!) “La storia infinita”, che narra le vicende del Regno di Fantàsia, in pericolo perchè un terrificante Nulla lo sta divorando, facendolo sparire pezzo dopo pezzo; pian piano il bambino finisce col vedere la sua avventura intrecciarsi con quelle dei personaggi fantastici del libro che sta leggendo….

Ecco la trovata che rende speciale quest’opera di Ende: in realtà siamo davanti ad un metalibro ,”vale a dire un libro nel libro o, sotto un diverso punto di vista, un libro che parla di altri libri. Le storie di Bastiano e del Regno di Fantàsia s’intrecciano, incastrandosi a vicenda come scatole cinesi per le quali, alla fine, risulta difficile comprendere quale delle due contenga l’altra. […] Grazie a questa struttura, Ende riesce a infrangere la barriera che divide lettore e personaggio, poiché Bastiano passa da un ruolo all’altro nel corso della storia. In questo modo, anche il confine tra realtà e finzione risulta meno netto e, in alcuni passaggi (fra tutti, l’urlo udito da Atreiu e da Ygramul), quasi indistinto.” (fonte: Wikipedia)

Insomma, Lilli: un libro affascinante, adatto ai ragazzi come ai grandi, perchè credo che sognare un pò faccia bene ad ogni età, specie se la storia in questione è scritta da un Signor Autore come Ende che ha stile e originalità da vendere.

Voglio solo aggiungere che ci sono state delle trasposizioni cinematografiche: la prima (e anche la più famosa) è del 1984, del tedesco Petersen, che io (undicenne) ho visto appena uscita nelle sale e, devo confessare, ho apprezzato. Ma questo, bada bene, prima di aver letto il romanzo originale.

Si, perchè, dopo aver letto il libro qualche anno più tardi, non ho potuto fare a meno di apprezzare, come nel 99,9% dei casi mi accade, molto più la fonte scritta e di capire anche perchè Ende si fosse lamentato con la produzione e con il regista, tanto da voler eliminare il proprio nome dai titoli del film, accusandoli di aver rovinato la dimensione favolistica del suo romanzo con gli effetti speciali.

 
 
 
 
 
<<Chi non ha mai versato, apertamente o in segreto, amare lacrime perché una storia meravigliosa era finita ed era venuto il momento di dire addio a tanti personaggi con i quali si erano vissute tante straordinarie avventure, a creature che si era imparato ad amare e ammirare, per le quali si era temuto e sperato e senza le quali d’improvviso la vita pareva così vuota e priva d’interesse?>>
 
 
 
I venerdì del libro su altri blog:
I venerdì del libro (62°): LA STORIA INFINITAultima modifica: 2011-11-11T18:48:00+01:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

18 Commenti

  • Mi ricordo il film, lo vedevo da piccola, ero terrorizzata dal nulla (ogni volta che c’era la nebbia ero molto preoccupata) ma masochisticamente volevo guardarlo in continuazione…. Non ho mai letto il libro però.. devo aggiungerlo alla lunga lista di cose da leggere…

    • A me da piccola (non tantissimo, avevo comunque 11 anni…) faceva più impressione Gmorg, quella sorta di pantera nera feroce e malvagia, con i denti aguzzi e gli occhi di brace….mamma miaaaaaaaaa!!! 😉
      Comunque,Iva, se puoi leggiti il libro, vedrai quanto è bello!

  • Come non ricordare questo racconto? Io ho letto il testo un bel po’di tempo fa’ e il film l’avro’visto centomila volte, beh e’uno di quei libri che ti porti nel cuore per sempre.
    Grazie perche’hai “spolverato” su un ricordo legato a tante emozioni, di quel periodo.
    Adoro questo spazio che dedichi alla lettura.
    Buona serata Maris 🙂

    • Che bello, Lacrima: sono contenta che, come me, tu abbia nel cuore questo libro!
      Libri, canzoni, film….sono tutti veicoli di ricordi ed emozioni, vero?
      Anche io adoro questo spazio del venerdì 🙂
      Buona serata a te carissima!!

  • Lo sto cercando da un po’ per biblioteche… Ogni volta lo trovo sempre in prestito ad altri… mi dovrò fare un promemoria… o alla fine va a finire che me lo compro!!! Ho visto il film e lo guardo e riguardo con piacere ma non ho mai avuto occasione di leggere il libro. Però lo voglio e presto lo avrò!

    • Trovalo, Stefania cara, oppure compralo: se non lo fai, davvero perdi l’occasione di regalarti ore di magica fantasia e anche di emozioni genuine… 🙂

  • Ciao Maris,
    io ho solo visto il film… nemmeno sapevo del libro, non conosco Ende, sono onesta, ogni volta che ne parli sento che devo prima o poi colmare questa lacuna… metto in coda… ma onestamente prima devo finire la ristrutturazione in casa che sto facendo, poi devo riappropriarmi dei miei libri e solo dopo eventualmente farne entrare di nuovi (e_book esclusi… eh eh 😉 )

    • Eeeeeehhhhhh….sapessi quanti autori non conosco affatto io, carissima Cì! Anzi, io in realtà mi ritengo abbastanza limitata, devo ampliare i miei orizzonti.
      Comunque, se ti capota prima o poi leggi qualcosa di Ende, davvero merita.
      Per gli e-book c’è sempre tempo 😉
      Ciao!

  • Ciaoooo, piace anche a me questo libro ed il film tutte le volte che lo fanno lo guardo sempre!
    Soprattutto il film è legato ad emozioni ormai lontane…
    Bacioni tesoro.

    • Anche le emozioni lontane quando vengono “risvegliate” possono essere ancora bellissime, no? Allora godititele tute Mira 🙂
      Mi fa piacere che condividi con me la passione per questa storia…infinita!!!
      Un abbraccio!

  • Che ricordi questo libro….ero alle elementari (o forse al primo anno di medie)quandola maestra ci disse che quest’anno avremmo letto insieme questo libro. Beh forse ero troppo piccola, forse perchè non è proprio il mio genere nemmeno adesso…ma mi ricordo che non mi piaceva affatto e questo mi è rimasto impresso ancora oggi…magari adesso se lo leggo ne apprezzo sicuramente il valore e la bravura dello scrittore ma 10 anni e più fa no…un bacione tesoro

    • Mannaggia, mi dispiace che tu non abbia bei ricordi legati a questo libro che invece a me piace tanto 🙁 però è naturale che ci siano gusti diversi in fatto di lettura così come per la musica o la cucina, quindi non è una cosa strana in fondo!
      Ma non hai mai visto neppure il film?
      Un bacione sorellina 🙂 e buonissima domenica!

  • Il libro non l’ho mai letto, ma ricordo il film, stupendo, Ottima scelta 🙂

  • No, il film non l’ho visto…forse potrei iniziare dal film e magari scopro che è un libro bellissimo…un bacione tesoro!!
    ps. è bellissimo dire ciò che effettivamente si pensa, e con te sono libera di farlo perchè so che sei intelligente e che rispetti i gusti di ognuno…

    • Ma certo Erika, io rispetto tantissimo le opinioni e i gusti altrui…lo trovo fondamentale per andare d’accordo con le persone ed essere veramente amici, se no che facciamo, ci prendiamo in giro?
      🙂
      Un bacione!

  • Bellissimo questo libro 🙂

Lascia un commento