Ott 26, 2011 - Figli    35 Comments

Monella bagnata monella fortunata

Cara Lilli,

stavo riordinando in cucina con addosso un nervoso che non ti dico, con tante cose che avevo già belle in mente, pronta a venire qui a scriverti a proposito della scuola, dei tagli al personale, dei problemi e dello svantaggio di tutta questa crisi che si è abbattuta anche sugli insegnanti di sostegno e che va a danneggiare i bambini (come la mia piccina) e i ragazzi che ne usufruiscono…

Però, poi, è successa una cosa che  per un iniziale momento mi ha fatto ancor di più di innervosire, ma che poi in definitiva mi ha fatto molto sorridere e così mi sono rilassata un pò e ho deciso che il post di protesta sulla scuola lo rimando a data da destinarsi, intanto ti scrivo l’ultima (in ordine cronologico) “prodezza” della mia monella riccioluta.

La premessa è che qui da noi non sta ancora diluviando come purtroppo è stato in Liguria e in Toscana (poveretti loro….che scene ho visto in TV!) però sta comunque piovendo discretamente da qualche ora.

Io ero ancora in cucina a finire di sistemare e il monellus erectus era nel suo box. La monella non la sentivo più nè la vedevo da qualche minuto e la cosa avrebbe dovuto insospettirmi…

Comunque, ad un tratto la sento correre in corridoio e poi avverto il “tonfo” tipico di quando scivola e cade (le succede a volte perchè corre sempre e fa cambi repentini di direzione!). Mi precipito a vedere come sta e lei mi viene incontro senza piangere, anzi, ma…completamente bagnata da capo a piedi!!!

Si, Lilli: bagnata! Non fradicia, ok…ma bagnata si, capelli compresi!!

Sono rimasta esterrefatta per qualche secondo perchè non capivo assolutamente come si potesse essere ridotta così…poi ho rammentato di aver lasciato aperto il balcone in camera sua, quando poco prima avevo preso un bustone di cose da buttare che mio marito ha portato via scendendo per tornare al lavoro…e infatti: il balcone era aperto!

Quindi la monella lo ha trovato socchiuso, è uscita fuori, ci è stata per un pò e si è presa tutta la pioggia addosso!! Ma guarda che roba!!!

Come ti ho detto all’inizio del post, la mia prima reazione è stata di arrabbiatura e l’ho sgridata ben bene….ma poi mi è venuto da sorridere, perchè lei era tutta felice così bagnata che non potevo tenerle il broncio più di tanto 🙂

Le ho subito cambiato maglia e pantaloni, le ho asciugato i capelli e poi sono venuta qui a scriverti, Lilli…un pò meno nervosa di quanto non fossi un’oretta fa: potenza della monella!!!

E come ho scritto nel titolo del post è proprio il caso di dire “Monella bagnata, monella fortunata”…eheheh!!

O almeno così si spera 😉

Monella bagnata monella fortunataultima modifica: 2011-10-26T15:43:00+02:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

35 Commenti

  • la tua monella riccioluta è proprio … monella!!!!! Un bacio Maris e… grazie!!! 🙂

  • E’ il potere magico dei bambini…non riuesci a tenere loro il broncio per più di 5 minuti…ah, certo che la tua monella ne combina eh?

  • Ma cucciola! alla fine l’acqua ha un gran potere terapeutico e rilassante, sai? soprattutto se presa da un balcone aperto e come vedi, la tua monella ne sa qualcosa!!!! :o)))))
    Bacione e lassamo stà il discorso scuola che ho i nervi a fior di pelle….
    cri

    • Forse la monella sapeva di questo potere terapautico e rilassante dell’acqua di cui parli tu, Cri…e ha voluto sperimentarlo in prima persona 🙂

      Aspetta il post che scriverò sulla scuola…che roba si deve vedere e sentire!!!

      Abbraccione!

  • Ma poi i bimbi son cosi dolci in ogni loro sfumatura!
    Senti i biscotti sono ottimi ed io ho osato pure un po’di piu’…metaìcon marmellata e meta’con nutella!!!
    Buonissimi!!!!!
    Un saluto Maris
    Buona serata 🙂

    • Vero? Concordo, Lacrima!

      Ehi, sono felice che tu abbia fatto i “miei” biscotti “occhi di bue”…con la nutella poi immagino la bontà 🙂

      Buona serata a te, cara!!!

  • i monelli fanno passare il nervoso spesso……pasta un sorriso e via ti passa tutto!
    fanno una tenerezza!
    un saluto
    Marisa

  • i bambini fanno sempre tenerezza, basta un sorrisoe ti passa tutto, nervoso, problemi!!
    non è vero?
    un saluto
    Marisa

    • Ciao marisa, grazie del commento: si, i bambini anche nelle loro monellerie fanno tenerezza alla fine e ti aiutano a sentirti meglio 🙂

  • Questa storia è troppo divertente! Mi ricorda quando mio cugino è uscito dal bagno fradico perchè “voleva vedere come funzionava” il bidet… tante volte bisogna sgridarli i bimbi anche se vorresti farti due risate per le marachelle che combinano!!

  • Ahahaha… grande la monella… ma che ti combina?? me la vedo tutta sorridente con i suoi riccioli bagnati… e come fai a tenerle il muso più di tanto??
    Questi bambini sono davvero incredibili e bisogna starci attenti, quando meno te lo aspetti te la fanno proprio sotto il naso!!
    Menomale che è riuscita a farti passare l’incazzatura.. almeno quello dai, non ne vale la pena anche se ho presente come ti senti in questo momento! A volte fanno delle cose assurde e chi ci va di mezzo sono proprio i bambini!
    Per il resto qui a Milano è tornato il sole finalmente… :)!
    un abbraccio!

    • Il dilemma è: una monella grande o una grande monella? 🙂 eheheh 😉
      Si, lo so che non vale la pena arrabbiarsi più di tanto per la scuola, ma ne succedono troppe guarda!
      Qui pioviggina ancora, uffi…
      Bacionissimi!

  • Passo per un saluto Maris
    per fortuna passi a trovarmi
    affogo nei miei echi
    🙂

  • Un abbraccio a te e alla monella 🙂

  • speriamo non si raffreddi!!!
    che bella monella!!! anche furbetta nonn c’è nient’altro da dire…. ahahahah
    e capendo di essere nel torto non diceva niente…. ahahahh
    troppo forti i bambini!!!

    buon proseguimento ^______^

  • e come certe volte a rimanere arrabbiati di fronte a scene cosi’ divertenti…….e a proposito anche se in ritardo tanti complimenti per la tua pubblicazione baci

  • Ok, lo ammetto, ho riso e mi sono immaginata la faccia soddisfatta e felice della Monella e … avrei voluto essere al posto suo!
    Queste sono il genere di cose che facevo anche io da ragazzina, comunque ora, se proprio non diluvia, esco senza ombrello, torno a casa bagnata, con i capelli gocciolanti e felicissima.
    Sarà il potere dell’acqua che porta via tutte le tensioni, lo stress, i brutti pensieri?

    • Ciao Monica:)!
      Anche un’altra “amica di blog”, Cri, in un commento più su ha parlato del potere rilassante dell’acqua….mi sa che avete ragione, allora 😉
      Mi fa piacere di averti fatto fare una risata, il post aveva proprio questo scopo: far sorridere un pò!

  • Se vuoi imparare a ridere chiedi consiglio ai bambini loro lo fanno senza avere nulla tra le mani: potere, successo e neppure dei soldi, e ci riescono benissimo…

  • @ Monella…

    Fai tutto quello che Vuoi, finché sei bambina: esagera, replica, dissacra, fonda e distruggi, urla dove andrebbe sussurrato, ridi dove necessita silenzio, canta dove bisognerebbe pregare, scopri dove è vietato entrare, spezza dove è vietato toccare, dì quello che hai da dire. Fregatene dei luoghi comuni e delle morali, perché sono vecchie di migliaia di anni, e non riusciamo più a liberarcene. Dopo, col passare degli anni, sarà solo tempo sprecato, se non saranno guai…

    Buona giornata…

  • Philippe Lechermeier in Filo di fata scrive: per ritrovare il vostro sguardo da bambino dovete: uscire sotto la pioggia, saltare nelle pozzanghere, cantare ciò che volete … per ciò la prossima volta se vuoi essere ancora più felice fatti un giro sotto la pioggia anche tu 🙂

    • Allora è proprio assodato che l’acqua e meglio ancora la pioggia abbia effetti terapeutici e agisca sull’umore!!
      Grazie del consiglio Supermammina!!

  • Sono un uomo.
    Ciao

  • Questa prodezza me l’ero persa 😀 credevo fosse quella del bagnoschiuma 😀
    e brava monellaccia

Lascia un commento