Semplicemente la mia opinione…

Cara Lilli,

immagino già che avrò la disapprovazione di molte donne che leggeranno questo post, ma io voglio lo stesso scrivere la mia opinione in merito all’8 marzo perchè sai che con te non ho segreti, no?

Questa festa della donna così come è diventata oggi nella maggior parte dei casi, consumistica, sminuita, a dire il vero mi irrita un tantino. Cioè: il non dimenticare le lotte delle suffragette, delle donne che si sono sacrificate per avere la parità di diritti, per essere pagate dignitosamente al lavoro ecc… si, naturalmente questo è un bene e sono la prima a dire che è giusto e doveroso ricordare e far conoscere alle nuove generazioni cosa è stato fatto e come si sono ottenuti dei risultati con sacrifci enormi, specie alle ragazzine che non hanno la minima idea di cosa significhi essere sfruttate e ritenute inferiori agli uomini, oggi che hanno la strada spianata davanti.

Ma il resto no….La mimosa ad ogni costo (e te la fanno realmente pagare cara come ogni volta che si sfrutta una festività…vedi le rose rosse a San Valentino…), le feste in discoteca per sole donne, gli spogliarelli maschili (oddio, mi viene la nauea solo a pensarci!)….no, Lilli, questo no, non mi piace e mi infastidisce.

E se mi dicono: “Ma queste cose gli uomini le fanno spesso, perchè noi non possiamo farle?”…beh, io voglio parità di diritti, si, ma assomigliare ad un uomo in queste cose qui non mi sembra affatto una conquista, anzi…

In definitiva, non ho bisogno di una festa specifica per ricordare agli altri e a me stessa che valgo qualcosa, io sono una donna del mio tempo e devo realizzarmi come più desidero ogni giorno dell’anno. E non  è pura retorica, Lilli. E’ semplicemente la mia opinione, come ho scritto nel titolo del post.

Un’opinione è condivisibile o meno, è “opinabile” come è insito nella parola stessa… Perciò io rispetto le opinioni diverse dalla mia e spero che gli altri, anche e soprattutto le mie amiche virtuali che passeranno di qui e leggeranno le mie parole, rispettino la mia.

Dopotutto…il mondo è bello perchè è vario, no?

Semplicemente la mia opinione…ultima modifica: 2011-03-08T18:17:49+01:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

11 Commenti

  • Sono pienamente d’accordo con te, non ho commentato oggi, volutamente, nessun post dedicato alla “festa della donna”, ma il tuo sento di condividerlo a pieno.
    Milena

  • Sono della tua stessa idea. Cosa vuol dire “festa della donna”? Che esistiamo solo un giorno?
    E poi, purtroppo, come sta già succedendo con molte altre festività, non è più al significato che si pensa, ma a mille altre cose…come: “dove andiamo a mangiare?” “chi invitiamo?” “e poi cosa facciamo”….questo non è incoraggiante !!!!
    Il mio pensiero va invece a tutte quelle donne che non possono essere se stesse, che vivono schiave di altri e di loro stesse, che soffrono…e ne conosco tante!
    Ciao Maris, grazie per le tue belle riflessioni!!!
    Cri

  • Il mio pensiero è che anche a me non piace che i ricordi che ci dovrebbero essere vengano trasformati in una festa consumistica , noi donne ci siamo sempre non solo un giorno all’anno e l’attenzione che dovremmo avere dovrebbe essere naturale e non rappresentata da un ramo di mimosa….ma a volte è bello anche prendere la vita con più leggerezza e se qualcuno ti fa gli auguri è anche bello ricambiare e sorridere al fatto che è bello essere donne!
    Un abbraccio
    cri

  • @ Milena: sono felice della tua condivisione, grazie!

    @ Cristina: certo, ovunque nel mondo ci sono donne che hanno ancora molto, moltissimo da conquistare…sono loro che devono avere più attenzione, non noi che in definitiva abbiamo già tanto!

    @ Cri: si, un augurio fatto con affetto sincero e non una frase formale e stereotipata può far piacere….solo che spesso e volentieri sono solo parole vuote…Comunque un pò di sano svago ci può stare, non dico di no! ed essere donne è veramente bello, hai ragione carissima Cri: difficile, complicato, ma bello!

  • Io sono pienamente d’accordo con te cara Maris.. tanto lo vivo in prima persona io stessa la non parità da nessuna parte soprattutto nel campo lavorativo. Già il solo mettere le cosiddette “Quote rosa” mi fa imbestialire e lo trovo imparitario. Non esiste la parità e non esisterà mai credo, siamo diversi. Certo possiamo essere manager, direttori ma non saremo mai uomini, forse questa è l’unica cosa che noi donne dovremmo capire. Quindi non illudiamoci che comportandoci da uomini raggiungiamo la parità, anzi spesso è per la nostra troppa voglia di somigliargli che perdiamo ancora più la faccia (vedi quelle donne che si prestano alle scorciatoie lavorative mostrandosi o concedendosi al datore di lavoro)..
    Sono d’accordissimo anche con cri: essere donne è bello 🙂

  • Concordo in pieno cara Maris! odio questo tipo di feste! La cosa più bella sarebbe non festeggiare più questa festa…vorrebbe dire che tutti hanno capito il vero valore delle donne e se lo ricordano tutti i giorni!
    Baci baci

  • Maris, sono d’accordo con te!! secondo me, la cosa migliore da fare ieri, non era regalare alle donne una mimosa, o andare in un locale tra ragazze e vedere lo spogliarello di uomini, ma pensare che ancora oggi ci sono grandissime differenze tra uomini e donne!!

  • Ciao Maris,
    sono pienamente d’accordo con te, io la festa della donna la vivo come una vincita personale in quanto donna, proprio per ricordare quante donne in passato si sono batture per arrivare fino ad oggi con una parità dei sessi.
    Credo che la vera feste sia il SENTIRSI donna e tutto quello che hanno costruito in seguito attorno a questo giorno, sia esclusivamente una cosa di mercato.
    Non credo giusto nemmeno il dover uscire a tutti i costi con altre donne, andare a vedere spogliarelli o scatenarsi liberando tutto quello che viene represso durante l’anno in una notte… sicuramente non è per questo che in passato molte donne si sono battute… nulla vieta di farlo ogni sera, ma il dover a tutti i costi evadere mi mette tristezza 🙁 !
    Ho sempre festeggiato la festa della donna con una cenetta intima con il mio partner, oppure facendo un dolce… o anccora andando al cinema…

  • @ Chani: giustissimo….io non voglio assomigliare ad un uomo! voglio essere una donna, qualcosa di diverso da un uomo per natura, con le specificità del mio sesso, pur godendo degli stessi diritti fondamentali, ovviamente!

    @ Elena: ben detto, carissima!

    @ Erika90: sono felice che sei d’accordo con me 🙂 ci sono senz’altro delle cose ancora da “mettere a posto” ma non è con le feste divenute uno sciocco commercio e basta che si aggiusteranno…

    @ AspiranteMamma: è vero….dobbiamo noi stesse cominciare a SENTIRCI DONNE COMPLETE e poi così anche gli altri ci vedranno così! tu comunque hai avuto bei modi di festeggiare, bella idea 🙂

  • concordo pienamente mia cara amica..però ogni tanto penso a quelle donne(magari la vicina di casa, l’extracomunitaria, la anziana signora col marito padrone) che aspettano veramente l’8 marzo per riunirsi e per poter fare qualcosa..la loro occasione..la loro serata..io non festeggio perchè la penso come te…non ho bisogno di uscire e di festeggiare… fortunatamente….adoro essere donna e fortunatamente non ho mai avuto problemi di alcun tipo nè sul lavoro ne nella vita quotidiana..però ripeto non tutte siamo così fotunate!!!ti abbraccio!

  • @ Sly: si, capisco tu cosa vuoi dire…io nel post parlo in generale, come tu hai ben compreso 🙂 ovviamente ci sono donne che hanno magari solo questa occasione per sentirsi “libere”…..che tristezza!

Lascia un commento