Gen 29, 2011 - cinema e tv, pensieri sparsi    5 Comments

Un film, un pensiero…

Cara Lilli,

C’è un film che mi è molto caro e che mi rapisce e commuove ogni volta che lo rivedo: è “VIAGGIO IN INGHILTERRA” di Richard Attenborough (1993), con due protagonisti straordinari, Anthony Hopkins e Debra Winger.

<<Trama (da Wikipedia): Narra la storia della relazione tra lo scrittore C.S. Lewis (nota mia: l’autore de “Le cronache di Narnia) e l’americana di origine ebrea Joy Gresham, così come è realmente avvenuta tra il 1950 e il 1960.

Joy è la tipica donna americana, forse anche troppo avanti per i conservatori frequentatori dei circoli culturali inglesi di cui Jack (questo è il nome con cui viene chiamato lo scrittore C.S. Lewis) è socio. È giunta ad Oxford col figlioletto Douglas anche per conoscere lo scrittore amato dal figlio al quale Joy, aspirante scrittrice, ha scritto una appassionata lettera. I due si incontrano e fanno amicizia, quindi lei torna in America dove divorzia dal marito alcolista ed infedele.

Trasferitasi a Londra reincontra Jack, ormai innamorato, e sorprendentemente gli chiede di sposarla per avere la nazionalità, ma quando lei si ammala di cancro, sarà lui a chiederla in sposa, questa volta per amore.

Prima di morire Joy trascorre gli ultimi giorni di vita nella casa oxfordiana di Jack e i due fanno a tempo a fare un ultimo appassionato viaggio nei luoghi che ispirarono Jack sin da bambino.>>

C’è un pensiero di fondo, Lilli, che pervade tutto il film e che alla fine viene in qualche modo “elaborato” da Jack: si tratta della domanda sul perchè del dolore e più specificamente  sul valore della sofferenza e su quanto valga la pena amare.

Ebbene, io adoro la risposta che il protagonista dà a se stesso…o meglio, la “non risposta”… Per comprendere cosa intendo, Lilli, dopo aver stoppato il sottofondo musicale del blog nella barra laterale destra, si devono guardare questi due video e in special modo il secondo, che è proprio il finale del film:

“Non durerà, Jack…”

“Non pensiamo a questo ora, non roviniamo i momenti che passiamo insieme!”

“Non li roviniamo…li rendiamo reali… […] Quello che sto cercando di dire è che il dolore di domani fa parte della felicità di oggi…”

 

” Perché amare se perdersi fa così male? Io non ho più risposte. Solo la vita che ho vissuto. Due volte in questa vita mi è stato dato di scegliere, da bambino e da uomo. Il bambino ha scelto la sicurezza,l’uomo sceglie la sofferenza. Il dolore di oggi fa parte della felicità di ieri, bisogna accettarlo! “

Che dire, Lilli? Mi è venuta voglia di rivedere questo film per l’ennesima volta….sono almeno un paio di anni che non lo faccio….è troppo tempo, devo rimediare…

Un film, un pensiero…ultima modifica: 2011-01-29T17:38:00+01:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

5 Commenti

  • Non l’ho mai visto,ma non lo ricordo proprio!

  • Ciao cara Maris!! 🙂 questo film non l’ho mai visto ma so esattamente cosa vuol dire quando un film ti entra dentro..a me è successo la stessa cosa con un libro. “Ps. I love you” di Cecilia Ahern racconta di una giovane coppia sposata , erano appena trentenni se non vado errando, cresciuti insieme perchè si erano conosciuti tra i banchi di scuola, innamoratissimi e poi un giorno la brutta notizia: lui aveva un cancro e a lui sarebbero rimasti pochissimi mesi di vita. Lui, per “accompagnare” la moglie in quello che sarebbe stato il momento più duro per lei (ovvero il primo anno senza di lui), decise di scrivere un bigliettino (per ogni mese) dove c’era riportato un pensiero, una cosa che doveva fare la moglie ovviamente alla fine del biglietto c’era sempre scritto ps. I love you. Lui ha trovato questo modo per aiutare la moglie a riprendersi la sua vita (senza cadere in depressione) e contemporaneamente starle accanto anche da lassù. Un libro toccante, dove si respira AMORE. Consiglio a tutte di leggerlo!!

  • @ Iaia: se ti piacciono i film drammatici e d’amore (ma non quelli melensi e sdolcinati) vale la pena vederlo, credimi!

    @ Erika90: mi sembra di aver sentito parlare una voltadi questo libro di cui parli….deve essere davvero bellissimo e coinvolgente!

  • Ma dai… Lo sai che anche io l’ho visto e mi è piaciuto moltissimo! Non ricordo di preciso, ma forse la prima volta l’ho guardato insieme a mia cugina. Devo averlo rivisto diverse volte, tanto che alla fine mi sono comprata il dvd!
    Se ti va di fare un saltino da me, c’è un giveaway speciale.

  • Ciao Maris, puoi mettere il link del giveaway Forza Diego, corri! qui sul blog, se ti va. Oppure il link del sito da cui è possibile acquistare il brano. 🙂

Lascia un commento