Ott 6, 2010 - ricordi    15 Comments

Mia nonna conservava le buste di plastica così…

Cara Lilli,

ricordo che negli anni in cui la mia amata nonnina Bianca ha vissuto a casa nostra (cioè da quando io sono nata a quando lei è morta e io avevo 14 anni) aveva sempre l’abitudine di conservare con molto ordine le buste di plastica, quelle della spesa per capirci,  perchè diceva che era una buona cosa riutilizzarle ma che se si piegavano senza metodo creavano un inutile ingombro.

Ebbene, appena sposata avevo iniziato a conservare anche io le buste di plastica in quel modo, poi a dire il vero  mi sono scocciata  un pò e ho lasciato perdere….finendo con l’avere una montagna di buste appallottolate o spiegazzate nello stanzino o in qualche altro posto, senza riuscire a capire a prima occhiata quale fosse più grande o più piccola all’occorrenza e poi tutte stropicciate e brutte da utilizzare.

Dunque, giorni fa mi sono detta che dovevo tornare al metodo della mia nonna, che richiede un momento di tempo in più, ma se fatto di volta in volta e non accumulando le buste da ripiegare (come invece facevo io e per ciò mi ero poi scocciata!) non pesa affatto.

Magari è la scoperta dell’acqua calda, Lilli, cioè magari molte persone già utilizzano questo metodo, ma io voglio comunque mostrarlo qui sul blog, a favore di chi non lo conosce 🙂  

Si stende la busta di plastica su un tavolo, 

Busta_1.jpg

 

la si piega a metà per il lungo e poi di nuovo a metà sempre per il lungo,

Busta_2.jpg

quindi si comincia dal fondo a piegarla facendo un triangolo, ripiegandolo su se stesso e poi facendo un altro triangolo e poi un altro…fino ad arrivare alla fine della busta stessa…

Busta_3.jpg

e a questo punto si inserisce il lembo finale nell’ultima fessura superiore, ottenendo così un bel triangolo chiuso…

Busta_4.jpg

 

Ti assicuro, Lilli, che ci vuole più a dirlo che a farlo!

Io adesso ho un’unica busta aperta con dentro tutte le altre piegate a triangoli e l’ingombro è minimo 😉 e poi dalle dimensioni del triangolo mi rendo subito conto di che tipo di busta si tratta e prendo quella della misura che mi occorre in quel dato momento.

Grazie, nonna Bianca!

 

Mia nonna conservava le buste di plastica così…ultima modifica: 2010-10-06T17:33:00+02:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

15 Commenti

  • Anche una mia amica le piega così! :o)))) Io invece attorciglio e schiaccio nella borsa porta-sacchetti e in effetti poi non sono un bel vedere…
    Volevo ringraziarti delle ultime ricettine Maris, le sto provando e i dolci mi stanno venendo benissimo, i muffin li mangia pure mio figlio che notoriamente non ama i dolci :o)
    Grazieeeeeee e abbraccione!
    cri

  • Io invece uso il tuo vecchio metodo: tutte appallottolate in un mega sacco! Non sapevo si potessero piegare così. Comunque sto cercando di ridurre il consumo di buste di plastica e mi porto sempre appresso quelle di tela o nylon per spese piccole e grandi. Chiaramente capita che ne usi ancora, e le riciclo come sacchetti per la spazzatura

  • Ciao Stella, ma lo sai che anche la mia adorata suocera me lo ha insegnato in questo modo ed io tuttora piego cosi’ i sacchetti?

  • hey sorellina bellissima anche io li piego così…io l’ho visto fare alla nonna di una mia amica e da allora li piego sempre così…occupano molto meno spazio e quando avrò una casa tutta mia li pieguerò così:D

  • Quando ero piccola le suore mi avevano insegnato a piegare le buste così e a casa dei miei genitori lo facevo sempre…adesso a casa mia invece le buste sono super appallottolate e pigiate dentro un porta sacchetti a forma di mucca.
    Mi sa che ti copio e le vado a mettere a posto tutte…un pò di ordine non guasta mai!
    Baci Baci

  • Ciao Maris, grazie per le tue visite da me e per i commenti!

    Io sono disordinatissima, ma le buste – stranamente – le ripiego esattamente così! E’ veramente comodo!

    A presto,
    Stefania GDL

  • Anche mia zia Gina faceva così. Io ho una di quelle bambole/busta porta buste che, fino a poco tempo fa, sembrava la donna cannone perché strabuzzava di bustine. Ora sto cercando di eliminare le buste di plastica, tenendo sempre in borsa una di quelle borsine in tela: ho messo la bambola a dieta :))
    Baci,
    Elisa

  • @ Tutte: bene, vedo che molte conoscevano già questo metodo, ma sono contenta di averlo diciamo “ricordato” a chi magari non lo stava più mettendo in pratica 😉

    @ Cri: ma prego, cara! sono proprio felice della buona riuscita dei muffin 🙂

    @ Claudia ed Elisa: avete comunque ragione a cercare di utilizzare il più possibile i sacchetti di tela o nylon….tra un pò saremo sommersi dalla plastica, in effetti (e già un bel pò lo siamo…)

  • Anche io le piego così
    tengono poco posto, sono ordinate, e capisci al volo la grandezza.

  • mitico!! anche io le piego così, anche se sono d’accordo con maris che bisognerebbe proprio utilizzarle il meno possibile.
    Io la spesa cerco di farla zaino in spalla.

    Ah proposito maris molto meglio questa colonna sonora!!

  • anche mia nonna faceva così… invece io e mia madre appallottoliamo tutto! siamo delle sfaticate… baci baci. Terry.

  • Bello, ma ci vuole troppa pazienza 🙂

  • @ Deni e Valerio: che bello, allora anche voi usate lo stesso metodo 🙂

    @ Terry e Marco: beh….siete un pò sfaticatelli, eh? 🙂 scherzo!!!

  • Anche io conosco il metodo, però vado sempre di fretta e per quelle poche buste che ho (perchè le riutilizzo fino a che non si bucano o lacerano malamente) mi basta usare il metodo in modo veloce veloce 😉 nel senso senza usare il tavolo la piego a metà e poi l’arrotolo intorno alla mano, e infilo i lacci dove prima era la mano…insomma non so se è chiaro ma risparmio tempo ;P

    baci Maris!

  • idem,me l’ha insegnato mia zia,tanti tanti anni fa e le più grandi alcune le piego così,ma se servono per la pattumiera,riempio come capita,l’apposito contenitore appeso sotto il mobile del lavandino…

Lascia un commento