Giu 24, 2010 - notizie, sport    2 Comments

Tristezza azzurra

Cara Lilli,

lo temevo, lo immaginavo, non ci avevo messo troppo il pensiero….ma vivere in diretta la disfatta azzurra di oggi è stato davvero triste!!

Le amichevoli pre-mondiali non mi avevano fatto presagire nulla di buono, però confesso che in un angolo di cuore speravo ancora  in un guizzo di orgoglio dei nostri giocatori, in uno sforzo supremo per difendere almeno dignitosamente il titolo vinto a Berlino 4 anni orsono….e invece due pareggi e una sconfitta ci hanno affossato 🙁

Non ho seguito i dibattiti post-partita, non mi andava neanche un pò perchè ci sono rimasta troppo male, ma ho visto che al fischio finale Lippi è scomparso dal campo di gioco più veloce della luce… E ci credo! Ma dopo avrà dovuto pur dire qualcosa e così pure i giocatori. Ne dovranno dare di risposte nei prossimi giorni! Hai voglia se ne dovranno dare! Non oso immaginare il loro rientro in Italia…

Ad ogni modo pazienza, Lilli. Non si vive di solo calcio. Però….però era bello poter dire: “siamo i Campioni del Mondo”! Anche perchè la vittoria di Berlino si lega nel mio ricordo inevitabilmente al mio matrimonio, poichè Cannavaro ha alzato la Coppa solo 9 giorni prima che io e il mio tesoro ci sposassimo.

Peccato…peccato davvero…che tristezza!!

 

Giu 22, 2010 - curiosità    3 Comments

Potenza della patata bollita…!!!

Cara Lilli,

la notizia curiosa che ti riporto oggi in realtà è di ieri ma io l’ho letta solo poco fa: incredibile ma vero, degli scienziati hanno sperimentato una nuova batteria (tipo quella che si adopera nei mouse dei pc) ricavata niente di meno che da una patata bollita!!!

La cosa mi fa sorridere, ma certo, se fosse un qualcosa di veramente realizzabile in un futuro magari non tanto lontano, sarebbe un bel risparmio e credo anche un bene a livello di inquinamento ambientale.

Chissà perchè, comunque, di queste scoperte strabilianti poi si perdono troppo spesso le tracce, Lilli… Due sono le possibili spiegazioni, secondo me: o si rivelano dei “flop”, senza cioè reale utilizzabilità,  o i potenti delle mega industrie intenazionali ne ostacolano la realizzazione e la diffusione per non esserne danneggiati economicamente. Tu che dici?

Ad ogni modo ecco la notizia dell’Ansa:

(ANSA) -ROMA, 21 GIU- Ricercatori di Gerusalemme hanno creato una batteria da una patata bollita che puo’ sostituire le pile da 1,5 Volt con un costo 50 volte inferiore. Questa batteria usa l’elettrolisi della patata accoppiata a elettrodi di zinco e rame. La bollitura, spiegano gli scienziati, permette di aumentare di 10 volte l’efficienza della pila cosi’ ottenuta, perche’ riduce la resistenza interna del vegetale. La patata puo’ realizzare il progetto su larga scala, sottolineano gli autori, perche’ si trova in 130 Paesi.

Giu 21, 2010 - ricordi    4 Comments

Le estati dell’infanzia

Cara Lilli,

oggi è iniziata ufficialmente l’estate e io teoricamente ne sono felice. Dico “teoricamente” dato che fuori fa tutt’altro che caldo. Anzi, da 3 giorni il tempo è cambiato, le temperature si sono abbassate e la pioggia ci ha fatto molta compagnia insieme al vento.

A parte questo, da un pò sto ripensando non tanto alle estati da adolescente, che sono quelle che tendo a ricordare sempre con più nostalgia, quanto alle estati della mia infanzia…

Ho riscoperto un senso di grande tenerezza nel ripensare a quelle vacanze trascorse con la mia famiglia al mare quando mio padre non scattava fotografie bensì diapositive, perchè gli piacevano di più e amava rivederle belle grandi col proiettore sullo schermo bianco riavvolgibile che avevamo a casa nostra.  Così come rivedevamo i filmati fatti con la vecchia cinepresa, quelli muti, con le immagini un pò tremolanti che hanno un fascino tutto particolare…

Le estati della metà degli anni ’70, con me che, tolto da poco il pannolino, indossavo dei costumini deliziosi (anche a due pezzi!!!) che mi confezionava mia madre, sempre brava a cucire. In particolare ce n’era uno nero tutto fiorellini bianchi che mi stava d’incanto…

Le estati in cui mi facevo dare da mio padre le scatoline vuote delle sigarette per riempirle di sabbia e metterci dentro quelli che chiamavo i “nimaletti” ossia delle specie di coccinelle marroncine che trovavo sulla spiaggia e volevo a tutti i costi portarmi via…

Le estati in cui con 10 lire mi facevo comprare al bar del residence dove alloggiavamo la liquirizia, che ricordo aveva la forma di rettangolo lungo più o meno 5 centimetri e largo 1 ed era sigillata in una carta trasparente…

Tutto è cambiato da allora, ma sono ricordi preziosi, Lilli.  Specialmente visto che ne fanno parte persone, come mio padre, che ora non ci sono più…

Giu 18, 2010 - libri e fumetti    3 Comments

I venerdì del libro (7°): Eva Luna

Cara Lilli,

per seguire anche stavolta l’iniziativa di Paola di HomeMadeMamma ti propongo un romanzo che ricordo molto bene nonostante lo abbia letto anni fa quando mi è stato regalato da una mia amica: “EVA LUNA” di Isabel Allende.

Lo stile narrativo della scrittrice cilena è inconfondibile. La storia è il ritratto di una donna nata tra i diseredati e cresciuta in un mondo oppresso dalla dittatura, che affronta le durezze della vita con coraggio e un pò di fantasia.

 

image_book_5.jpg

 << Mi chiamo Eva, che vuol dire vita, secondo un libro che mia madre consultò per scegliermi il nome. Sono nata nell’ultima stanza di una casa buia e sono cresciuta fra mobili antichi, libri in latino e mummie, ma questo non mi ha reso malinconica, perchè sono venuta al mondo con un soffio di foresta nella memoria.>>

 

 

Giu 15, 2010 - dolce attesa, Figli    9 Comments

Un esserino di 3,84 cm…

Cara Lilli,

ieri (a 10 settimane più 1 giorno di gestazione) ho fatto un rapido controllo dal ginecologo e tutto procede bene, per fortuna!

Attraverso l’ecografia ho potuto vedere distintamente il mio bimbo che agitava le manine e i piedini….fa un effetto incredibile!  Il dottore l’ha misurato ed è risultato lungo 3,84 cm….che tenerezza!!! Sembra che sia leggermente sopra la media, come poi d’altronde era la mia prima bimba, che poi effettivamente oggi è un bel pezzo di figliolina, alta più delle sue coetanee.

Io da parte mia sto meglio con le nausee, non le avverto quasi più anche se a volte lo stomaco sembra andare a rilento e mi sento appesantita come se avessi ingoiato un bue con tutte le corna!! Ma oramai credo che sia questione di poco e dovrei stare bene (o almeno lo spero!).

Comunque, non mi stancherò mai di dirlo, è davvero un miracolo vedere come cresce un esserino nel grembo materno, Lilli! Io, come penso tutte le mamme del mondo, mi sento davvero privilegiata e onorata di poter vivere in prima persona un’esperienza simile…