Browsing "Feste e ricorrenze"
Dic 8, 2011 - Feste e ricorrenze, varie    8 Comments

Catena Natalizia 2011

Cara Lilli,

anche per queste Feste di Natale, così come lo scorso anno, la mia amica Mirta del blog Luce nel Cuore ha proposto una “catena natalizia“: consiste nel mostrare un’immagine che rappresenti il Natale, dicendo le motivazioni della scelta, e poi scrivere una preghiera a Gesù Bambino, da copiare poi su un bigliettino da mettere sotto il Bambinello nel nostro presepe. Chi vuole, infine, può recitare il giorno di Natale la preghiera dei Cinque Baci d’amore al Santo Bambino, che si trova nel post di Mirta.

Allora… L’immagine che ho scelto io è questa:

E’ un dipinto ad olio su tela di un artista venezuelano che non conoscevo, Julio Padrino, che (a quanto ho appreso sul web facendo qualche ricerca) vive e lavora a Teramo da anni.

Mi ha colpito tra le tante immagini natalizie che ho trovato su internet perchè mostra secondo me un aspetto bellissimo e tenerissimo della Natività: il profondo bene e l’armonia che c’erano senz’altro tra Maria e Giuseppe. Traspare dal loro sguardo amorevole e dolce.

Essi hanno ognuno per il suo ruolo accettato la volontà di Dio e hanno accolto quella nuova vita così Unica e Straordinaria, facendo insieme il cammino verso la Natività e poi anche vivendo insieme a Gesù Bambino come una famiglia, la Famiglia con la Effe maiuscola, la Famiglia per eccellenza, quella a cui noi dobbiamo guardare come esempio. Una Famiglia che ha vissuto in semplicità e umiltà, così come in semplicità e umiltà è nato il Bambinello.

Che contrasto enorme con ciò che oggi ci circonda! Si, c’è la crisi, ma comunque la corsa ai regali e l’affannarsi per cenoni e pranzi sembra che siano le cose principali…magari con qualche spesa in meno, ma sempre con pensieri che troppo spesso si allontanano dal vero significato del Natale.

Questo dipinto mi ha fatto commuovere, non lo nego, Lilli. Mi ha fatto riflettere una volta di più su queste cose, che non basta mai.

E la preghiera che rivolgo al Bambin Gesù è questa:

<<Gesù Bambino, speranza dell’Umanità, ti affido innanzitutto i miei figli.

Tu sai tutti i pensieri che ho per loro e cosa mi preoccupa, tu sai quale è il loro bene e io te lo chiedo con fede.

Così come con fede ti chiedo serenità e salute per me e tutte le persone che amo o quanto meno ti chiedo la forza di accettare le prove della vita e affrontarle senza lasciarsi sopraffare dall’ansia e dallo scetticismo.

Ci sono tante persone, poi, nel Mondo che hanno bisogno di cose materiali così come di grazie spirituali: guarda a loro con benevolenza, Gesù Bambino.

Ti chiedo, infine, che Lassù in Cielo la mia mamma e il mio papà possano festeggiare insieme questo Natale, scambiandosi lo stesso sguardo amorevole e dolce che hanno Maria e Giuseppe in quel dipinto, e che possano sempre proteggere me, mio fratello e le nostre famiglie.>>

 

Ringrazio Mirta per avermi dato l’occasione di scrivere questo post 🙂

 

Nov 3, 2011 - Feste e ricorrenze    12 Comments

5 e 6 Novembre 2011: 29esima sagra della castagna IGP di Montella (AV)

Cara Lilli,

il prossimo fine settimana torna l’appuntamento autunnale con la famosa Sagra della Castagna IGP di Montella (in provincia di Avellino, per chi non lo sapesse). 

 

E’ una tradizione consolidata e un evento che richiama una bella quantità di persone da tutta la Campania e oltre.

Lo scorso anno te ne parlai, ma in ritardo, cioè a sagra già terminata, ricordi?

Ti dissi anche che avevo incontrato di persona un’amica di blog, Anna di Anna in Irpinia: ebbene, salvo intoppi dell’ultimo minuto, anche quest’anno dovremmo rivederci con lei e la sua famiglia 🙂

Allora….l’invito è esteso anche ad altre amiche e amici che vivono non lontano da qui, come Supermamma , Terry di Agrodolce e Mimmo di Tarantelluccia.it ad esempio 😉 …io vi aspetto, dai, veniteeeeeeeeee!!!

Se vi va di gustare prodotti tipici, in particolare a base di castagne, ovviamente, e di partecipare a lezioni di tarantella, di assistere a spettacoli musicali itineranti, di far divertire i bambini con giochi tradizionali….beh, questa è la sagra che fa per voi!

Chi vuole saperne di più, può andare a leggersi il programma dettagliato.

Al prossimo evento, Lilli!

Set 18, 2011 - Feste e ricorrenze, ricordi    26 Comments

Nozze d’oro….in Cielo

Cara Lilli,

nella corso della mia vita ho visto un uomo e una donna amarsi profondamente; rispettarsi; lasciarsi la giusta libertà; essere d’accordo sui principi fondamentali su cui basare la loro famiglia; essere diversi caratterialmente ma superare questi aspetti venendosi incontro vicendevolmente e smorzando sul nascere le eventuali discussioni per impedire che diventassero ostacoli  per la loro felicità; aprire la loro casa a parenti e amici sempre, con generosità e allegria; essere di esempio per i figli e per tante altre persone.

Ho visto mio padre e mia madre amarsi così, Lilli.

Oggi ricorre una festa specialissima: le loro nozze d’oro.

L’ultimo anniversario che sono riusciti a festeggiare insieme qui tra noi è stato il 48°, nel 2009, due mesi prima che il mio papà se ne andasse.

L’unico anniversario che hanno non hanno potuto festeggiare perchè separati è stato il 49°, l’anno scorso.

Oggi sono sicura che Lassù staranno brindando ai loro 50 anni d’amore, finalmente di nuovo INSIEME, innamorati più che mai…e mi sembra di vederli: mamma, sempre elegante e curata, che tiene per mano papà, che le sorride  teneramente e le accenna il ritornello della loro canzone

 

“Oddio…ma non è un film!”

Cara Lilli,

la frase che dà il titolo al post l’ho pronunciata io, scioccata, 10 anni fa…in un primo pomeriggio come tanti, nel soggiorno di casa dei miei genitori, quando vivevo ancora lì…

 

<< Maristella cerca un pò se c’è qualche bel film in TV…>>

<<Si, ora vedo mamma…Aspetta, magari qui…..forse ho trovato, non so cos’è vediamo…forse è un film d’amore>>

<<Credo di si>>

<<Non so, mamma….guarda un tu un momento, io vado in bagno…torno subito>>

<<Va bene>>

5 minuti dopo…

<<Mamma, scusa, ma hai cambiato canale?>>

<<No!>>

<<Come no? Mica era un film di guerra prima!>>

<<Non so, sono andata un minuto in cucina…>>

<<Ma ti dico che questo non è il film di prima! Non vedi? Quelle sono le Torri Gemelle, quelle di New York…c’è un incendio….ma che film è?>>

<<Aspetta…sembra così reale!>>

<<Oddio….ma non è un film, mamma!!!>>

<<Come non è un film?>>

<<Questo è il telegiornale!! Non senti la voce di Emilio Fede? E’ un’edizione straordinaria!!>>

<<Oh Signore!!!>>

<<E’ un attentato! Capisci? Un attentato!! Dio mio…>>

 

Fuoco e fumo….caos….corpi che volano nel vuoto…sono poveri innocenti che per la disperazione si lanciano dalle finestre di quelle trappole senza via di scampo che sono diventate le due Torri Gemelle…sirene di ambulanze e di camion dei vigili del fuoco….angeli senza ali che corrono in soccorso di quei prigionieri destinati a una fine atroce…lacrime, disperazione, urla di chi dalle starde in prossimità delle Torri non si capacita di ciò che pure si sta realizzando proprio sotto i suoi occhi…giornalisti attoniti…

Ho la sensazione che l’intero Pianeta si sia fermato, che esista un unico occhio gigante puntato sul cuore di New York…

Una delle due Torri all’improvviso crolla…è impressionante, si sbriciola…

Poi crolla anche la seconda….come la Gemella si disfa in cenere….solo cenere, ecco quello che rimane.

E’ agghiacciante. Sono testimone, pur se attraverso la TV, di un evento che cambierà la Storia.

 

Fonte: Wikipedia

Le vittime degli attentati furono 2974, esclusi i diciannove dirottatori: 246 su quattro aeroplani (88 sul volo American Airlines 11, 59 sul volo United Airlines 175, 59 sull’American Airlines 77 e 40 sul volo United 93; non ci fu alcun superstite), 2603 a New York e 125 al Pentagono. Altre 24 persone sono ancora elencate tra i dispersi.Tutte le vittime erano civili a parte 55 militari uccisi al Pentagono. Furono più di 90 i paesi che persero cittadini negli attacchi al World Trade Center.

Il NIST ha stimato che circa 17.400 civili erano presenti nel complesso del World Trade Center al momento degli attacchi, mentre i dati sui turisti elaborati dalla Port Authority of New York and New Jersey (l'”Autorità portuale di New York e del New Jersey”) suggeriscono una presenza media di 14.154 persone sulle Torri Gemelle alle 8:45 del mattino. La gran parte delle persone al di sotto delle zone di impatto evacuarono in sicurezza gli edifici, come pure 18 persone che si trovavano nella zona di impatto della torre meridionale; Al contrario, 1366 delle vittime si trovavano nella zona di impatto o nei piani superiori della torre settentrionale; secondo il Rapporto della Commissione, centinaia furono le vittime causate dall’impatto, mentre le restanti rimasero intrappolate e morirono a seguito del collasso della torre.Quasi 600 persone furono invece uccise dall’impatto o morirono intrappolate ai piani superiori nella torre meridionale.

Almeno 200 persone saltarono dalle torri in fiamme e morirono, come raffigurato nella emblematica foto The Falling Man (“L’uomo che cade”), precipitando su strade e tetti degli edifici vicini a centinaia di metri più in basso. Alcune persone che si trovavano nelle torri al di sopra dei punti di impatto salirono fino ai tetti degli edifici sperando di essere salvati dagli elicotteri, ma le porte di accesso ai tetti erano chiuse; inoltre, non vi era alcun piano di salvataggio con elicotteri e, quella mattina dell’11 settembre, il fumo denso e l’elevato calore degli incendi avrebbe impedito agli elicotteri di effettuare manovre di soccorso.

Le vittime tra i soccorritori furono 411. Il New York City Fire Department (i vigili del fuoco di New York) perse 341 vigili del fuoco e 2 paramedici; il New York City Police Department (la polizia di New York) perse 23 agenti, il Port Authority Police Department (la polizia portuale) 37. I servizi di emergenza medica privata persero altri 8 tecnici e paramedici.

 

Jumper5

 

Fonte foto: http://wuzzadem.typepad.com/wuz/2006/09/i-rem.html

 

Set 7, 2011 - Feste e ricorrenze    28 Comments

38 primavere

Cara Lilli,

le primavere del titolo sono le mie….oggi compio 38 anni!

Che poi perchè si dica “primavere” non lo so…..perchè non un’altra stagione?

Ad esempio oggi è ancora estate, no? Allora perchè non dire: “38 estati”? Non sarebbe più appropriato?

Bah….credo che ti lascerò con questo serio e importante quesito stagionale, Lilli, e me ne andrò a fare una bella colazione, che sono le 8:30 e ho sgranocchiato giusto un biscotto un’oretta fa, poi ho pensato ai pargoli e adesso ho fameeeee!

Come? Che dici Lilli? Ah, si certo…Grazie per gli auguri!

🙂