Set 21, 2012 - libri e fumetti    14 Comments

Un dubbioso venerdì del libro (99°): I SENSI INCANTATI

Cara Lilli,

come (quasi) tutti i venerdì seguo l’iniziativa di HomeMadeMamma ma stavolta lo faccio in modo anomalo, perchè in realtà voglio parlare di un libro che ho iniziato ma non ho finito. E il fatto è che non so se lo finirò mai. Ho i miei dubbi in proposito.

Si tratta de I SENSI INCANTATI di Alberto Bevilacqua.

Allora: è il primo romanzo di questo autore che passa tra le mie mani e l’ho “ereditato” dalla libreria dei miei genitori, dove era arrivato insieme ad altri libri alcuni anni fa in seguito ad una promozione della Mondadori o qualcosa del genere.

L’ho cominciato a leggere da parecchi giorni, ma sono ferma a pag. 37 da un pò. Non mi riesce a coinvolgere, ecco tutto.

La trama  (presa da Amazon.it):

 

<< Il tema del magico, del “meraviglioso” percorre quasi tutta l’opera di Bevilacqua, incantando i lettori di tanti paesi. Ma qui il tema si traduce in una storia che avvince – oltre che per una suggestione e una suspense che si mantengono dall’inizio alla fine – per un sapore di verità: la vicenda, infatti, è stata realmente vissuta in prima persona dall’autore, messo a contatto fin da bambino con la dimensione magica. Centrale nel libro è la figura di Miriam, la giovane sensitiva che entra concretamente nella vita reale del protagonista in crisi e lo rigenera, oltre che con gli eccezionali poteri di cui è dotata, con le suggestioni naturale della sua intensa femminilità. Miriam, infatti, è dotata di una sensitività spinta all’estremo: può ottenere che i sensi altrui vengano incantati, ossia riportati alla voglia di vivere. Il romanzo acquista la portata di un messaggio piú vasto che indica modi, finora insondati, con cui è possibile essere risanati dal male degli affetti, mentre l’uomo può trovare Dio per strade diverse da quelle logorate dalla multiforme corruzione dei tempi.>>

 

Alberto Bevilacqua - I sensi incantati - NUOVO 

Sembrerebbe interessante, eppure mi ha abbastanza annoiato in questi primi capitoli. Pensieri dell’autore che non sono riusciti a farmi entrare in sintonia con lui, nessuna emozione particolare.

Si, lo so, ho letto probabilmente troppo poco per poter esprimere un giudizio, ma tant’è: dato che ora come ora non mi riesce proprio di andare avanti con la lettura, sarei curiosa almeno di sapere se c’è qualcuno tra chi passa di qui che magari ha già letto questo romanzo, che possa dirmi se gli è piaciuto e se vale la pena di non abbandonarlo.

Grata a chi vorrà darmi un consiglio spassionato, ti saluto Lilli…alla prossima!

 

I venerdì del libro su altri blog li trovi QUI

 

Un dubbioso venerdì del libro (99°): I SENSI INCANTATIultima modifica: 2012-09-21T17:52:00+00:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

14 Commenti

  • Ciao, non ho letto questo libro e non posso aiutarti 🙁
    Volevo ringraziarti per quel che hai scritto da me e per il tuo essere foriera di… belle notizie! 🙂

    Sereno fine settimana e…sempre grazie!

  • Non ho letto questo libro, ma credo che Bevilacqua sia molto sopravvalutato, quindi non mi meraviglia che non ti stia appassionando. Io lo mollerei lì: il mondo è pieno di autentiche buone scritture!

  • Ciao. Non posso aiutarti purtroppo: non l’ho letto! Me se non ti prende, non ti prende: buttati su altro e goditi una buona lettura.
    Dato che pero’ io sono una gran curiosa, se lo trovo io in giro a poco (tipo versione super economica) me lo leggo e poi ti dico 😉
    Buon fine settimana

  • Neanche io l’ho letto, pero’ se dopo 37 pagine non riesci a proseguire forse e’ un segno

  • Ciaoooo…bello il tuo blog…cmq il libro non l’ho letto…ma posso dirti, per esperienza, che se un libro non mi prende nei primi due capitoli..lo mollo! S presto!

  • ciao Maris, non posso aiutarti, non l’ho letto!
    Comunque se non scorre lascialo: non con tutti i libri si entra in sintonia.
    ps: ho avuto un’idea per aggirare la questione capcha: oltre valutare di passare ad un altra piattaforma, puoi farti una pagina di facebook per il blog e così chi preferisce ti legge qui e ti commenta là!

    ciao!

  • Tesprpcaro. non ho letto questo libro, è vero, ma questo è un autore che mi ha sempre coinvolto e dal quale ho sempre imparato tantissimo………..ancora oggi lo prendo ad esempio per tantissime cose, per tantissimi valori che mi sono entrati dentro………………a te che sei giovane può non darti molto, in effetti tu hai trovato questo libro tra i vecchi libri dei tuoi genitori, anzi adesso che ho l’ipad devo vedere se mi è possibile leggerlo, così poi ti dico la mia impressione. Ma per me Bevilacqua è sempre stato un esempio, però io ho l’età dei tuoi genitori, quindi tante generazioni sono passate e, come vedi, anche certi gusti sono differenti. Ti consiglierei di leggere ancora un poco questo libro, ma vedendolo da un’altra prospettiva, capita che si vede una sola faccia della medaglia, ma………….la medaglia ha due faccie…….che ne dici ? Comunque se non ti piace non ti preoccupare sei tanto giovane e i nostri gusti in certe cose possono essere molto diversi, ti pare ?
    un forte abbraccio
    elena

  • @ TUTTE: grazie per i commenti e i consigli.
    Ad ELENA dico in particolare che sono contenta che si sia dilungata a dirmi un pò cosa ha significato per lei questo scrittore.
    Comunque, credo che a piccoli passi continuerò a leggere questo libro per non chiudermi nessuna possibilità, a meno che anche andando oltre non dovesse proprio piacermi e a quel punto darò un giudizio più consapevole, avendo letto almeno un altro pò del libro.
    Ciao a tutte e buona domenica!

  • Io ho un rapporto controverso con questo autore… ho letto suoi libri: uno mi è piaciuto ed uno mi ha delusa… così non sono riuscita a stabilire se tra noi c’è feeling oppure no. Il libro che hai ora tu per le mani non l’ho letto…. non posso esserti d’aiuto.

    • Capita in effetti di leggere libri di uno stesso autore e avere sensazioni diverse, alcuni ci piacciono e altri no pur essendo scritti dalla stessa persona.
      Io come dicevo pian pianino cercherò di andare un pò avanti nella lettura di questo romanzo, poi vedo come va.

  • I post dubbiosi sono utili tanto quanto quelli che comunicano entusiasmo sul un libro. Anch’io non ho mai letto nulla di Bevilacqua e purtroppo non sono grado di offrirti un altro punto di vista.
    Saluti ai 2 monellini

    • Si, verissimo: i dubbi sono importanti quanto le certezze 🙂
      Grazie dei saluti ai miei monelli, un abbraccio a te e a Simpatica Canaglia!

  • Ciao cara mi piace il tuo blog, allora Bevilacqua o si ama o non si riesce a leggere, ha una visione tutta sua quasi metafisica, io ho letto,l’EROS. Il curioso delle donne.La califfa,e’ un autore che piace ad una generazione di persone grandi di età non credo che faccia al caso tuo mi sembri giovane ciao

  • Grazie Alba per il commento e per l’apprezzamento espresso sul mio blog!
    Non sono giovanissima ho 39 anni, comunque Bevilaqua non è nelle mie corde, ecco. Magari ci riproverò più in là 🙂
    Se vuoi seguirmi ancora, però voglio segnalarti che io sono passata su Blogger con un nuovo blog che è la naturale prosecuzione di questo e sto anche copiando lì tutti i vecchi post scritti qui in più di diue anni.
    Ti aspetto su http://caralilli.blogspot.it/
    Ciao!

    PS: passerò da te a dare un’occhiata al più presto!

Lascia un commento