Set 17, 2012 - Figli, pensieri sparsi    38 Comments

Per ogni su c’è sempre un giù, per ogni men c’è sempre un più

Cara Lilli,

questo post lo scrivo in un certo senso a mò di promemoria per me stessa, innanzitutto, e poi anche per chi come me ha a che fare con un qualche problema diciamo “a lungo termine”.

Il disturbo della monella non è qualcosa che si risolve in quattro e quattr’otto, è una strada che si percorre a piccoli passi, con costanza, giorno dopo giorno. Noi siamo su questa strada da almeno tre anni oramai e devo dire che di risultati positivi ne abbiamo avuti eccome e tu lo sai bene, ma come dico sempre il percorso è ancora lungo. Ogni tanto capita anche un bel balzo in avanti (tipo “Palla“, o “Corriamooooo“…!!!) e allora sono gioie grandi! Ma a fronte delle belle conquiste, non sono mancati momenti meno positivi, momenti di sconforto, giorni difficili e a volte periodi difficili che si sono protratti per un pò.

Sottolineo questo non per sminuire le cose belle che ci sono state in questi anni di cammino, ma perchè mi sono accorta che quando scrivo della monella qui sul blog tendo a parlare sempre di ciò che va bene, delle sorprese positive, degli episodi simpatici o teneri.

Ecco, Lilli: in realtà voglio solo farti comprendere che non è tutto sempre rose e fiori, che dietro ai traguardi raggiunti c’è tempo speso, c’è sacrificio, ci sono delle rinunce, ci sono piccole-grandi lotte quaotidiane, ci sono pensieri che a volte hanno pesato sul cuore e che ancora pesano ogni tanto.

Il cammino devo riconoscere che da un pò di mesi a questa parte è prevalentemente (e fortunatamente direi) in discesa o quanto meno in rettilineo (senza grandi curve insomma!) rispetto al passato, però ci sono sempre i giorni-no, gli episodi che ti spengono per un attimo il sorriso e ti fanno pensare che “Noooo, non è possibile che siamo di nuovo a questo punto!!!”.

Sabato scorso, ad esempio, la monella ha praticamente passato un’ora di terapia (psicomotricità) a fare capricci, a rifiutarsi di collaborare con la terapista (con cui peraltro ha costruito nel tempo un buonissimo rapporto), a piagnucolare senza sosta come non succedeva da tanto. E poi ha continuato ad essere intrattabile anche dopo, quando eravamo a fare delle spese tutti insieme, facendoci tornare ai giorni in cui non si poteva andare nei luoghi affollati o poco conosciuti senza che lei piangesse disperata e si dimenasse fino a quando non eravamo in macchina o a casa.

Poi però c’è stata la domenica e lei è stata così brava a dirmi più volte nella giornata di sua iniziativa che doveva andare in bagno, senza che glielo ricordassi io, oppure ha mangiato tutto quello che le ho cucinato senza fare storie, oppure ha voluto giocare in modo costruttivo (cioè non solo prendendo giochi vari e poi lasciandoli a metà) scegliendo da sola il gioco (un bruco di cartone con le lettere dell’alfabeto a cui vanno agganciate al posto giusto le paroline che iniziano con le singole lettere) e portandolo a termine con successo.

E poi c’è oggi, quando le ho visto brillare una luce negli occhi quando ci hanno consegnato e montato il suo nuovo letto verde cedro (uguale identico al piccolo armadio comprato già per lei l’anno scorso). Un letto “come i bimbi grandi” in cui potrà però dormire solo tra un paio di giorni, quando le spondine di legno fatte personamente dal suo papà saranno pronte (si agita ancora troppo nel sonno, cadrebbe di sicuro!!!).

Dovresti vederla, Lilli: è lì che guarda il letto e dice tutta felice “Lettino nouvo!” [si si, nouvo 🙂 dice proprio così!] e io la mangerei di baci tanto è dolce!!!

Insomma…come diceva il buon Merlino al giovane Semola (ancor lontano dal diventare il mitico Re Artù), mentre erano in versione-pesce, <<Per ogni su, c’è sempre un giù! Per ogni men c’è sempre un più! E questo il mondo fa girar!!!>>…Ed è giusto che sia così, in modo che non ci si sieda sugli allori nè viceversa ci si abbatta troppo, a seconda dei momenti…perchè gli alti e bassi ci sono, ma è così che va la vita.

E la vita è un’avventura stupenda che vale la pena assaporare in pienezza.

 

Troppo carina, vero? 🙂

Per ogni su c’è sempre un giù, per ogni men c’è sempre un piùultima modifica: 2012-09-17T17:53:00+00:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

38 Commenti

  • Quante volte ho visto questo film con i miei figli quando erano piccolini, ma non ricordavo quanto fosse profondo il senso di questa parte!
    Sono felice di averti “incontrata” e penso a quanto sia fortunata la tua monella ad avere una mamma come te!
    Annamaria

    • Ma grazie, Annamaria! Sapessi io quanto sono felice di aver “conosciuto” te! La stima e l’affetto pur se da lontano sono assolutamente reciproci, credimi.
      Non so se la monella sia davvero fortunata, io lo sono di certo ad avere una bimba come lei e non la cambierei con nessun’altra, pur con tutti i pensieri che mi dà…ma poi quale figlio non procura preoccupazioni ad una mamma? Si sa che il nostro è il mestiere più difficile del mondo…ma anche il più bello 🙂

  • Non me lo ricordavo più questo pezzo del cartone, bhè, come spesso succede, la Disney non dice mica stupidaggini, dice cose vere, solo in modo giocoso!
    Il “più” della tua monella siete sicuramente tutti voi che le state vicino e l’aiutate a crescere con tutto l’affetto possibile e immaginabile. Il suo “più” è avere una supermamma come te.
    Un abbraccio

    • S, Fru, hai ragione: la Disney ha sempre lanciato messaggi importanti pur in modo giocoso! E questo qui ne è un esempio.
      Ti ringrazio per la “supermamma” 🙂 magari lo fossi!!! Però mi impegno, questo è certo. Sbaglierò qualcosa, come ogni mamma, farò tante cose buone, come ogni mamma….ma sempre con amore assoluto per mia figlia!
      Ti abbraccio anche io!

  • Sai, cara Maris…le conquiste e i progressi della tua bimba trovo che siano sensazionali,te lo ripeto continuamente.
    Ma quanto sforzo c’è dietro ad ogni singola parola nuova? Dietro ad una corsa, allo stare concentrati su un gioco, nel cercare di farsi capire?
    Credo che i momenti di scoforto ci siano per te, nel notare questi passi indietro che penso siano “falsi” perchè in questi momenti non è che la tua “monella” dimentichi ciò che ha appreso, ma li sente anche lei. Vuoi per la stanchezza, vuoi per una giornata storta o probabilmente ora anche per l’inizio dell’asilo.
    Non scoraggiarti cara amica mia, continua a ripeterti quel simpatico motivetto, e cerca di trovare la forza per superare questi momenti senza abbatterti troppo.
    Siete una mamma e un papà meravigliosi…Raffy è fortunata ad avervi come genitori. (e naturalmente leggi la frase anche al contrario…voi siete fortunati ad avere lei)
    Ti abbraccio e ti offro una fetta di torta al cioccolato per tirarti un pò su di morale.

    • Sai sempre dire la parole più intelligenti, affettuose e giuste per l’occasione, cara Deni: grazie! So che tu comprendi i miei sforzi e le mie paure, sei sensibile e oramai mi conosci anche un bel pò 🙂
      Non temere, io vado avanti, ci mancherebbe! Ci sono i momenti di sconforto, ma poi passano.
      Accetto la tua fetta di torta, mille grazie….mi ci voleva proprio 🙂
      Un bacione!

  • Non posso che condividere le parole della mia cara amica Deni.
    Un abbraccio Maris.
    Miky

    • Come scritto a Deni qui sopra, non temere Miky….io vado avanti anche perchè i momenti belli stanno diventando sempre di più e noi abbiamo intenzione di farli aumentare ancora 🙂
      Grazie, ciao e a presto!

  • Quanto adoro questo film!!!!!!! 😀
    baciotti a tutti e tre!

  • Oh, Maris, come lo hai raccontato bene! Vero, verissimo tutto, non mi viene da aggiungere altro perchè è così che vivo ogni giorno. Solo che mi sto sforzando a vedere sempre più i su … un abbraccio.

    • Tra me e te non serve aggiungere mai niente, lo so Marzia….pur se il problema “a lungo termine” non è uguale, viviamo situazioni simili e soprattutto simili emozioni positive e negative.
      Un abbraccio a te, sperando che i “su” e i “più” aumentino a dismisura per entrambe le nostre situazioni!

  • Hai ragione cara maris, è la vita che ci avvolge e ci coinvolge nei suoi alti e bassi!!Sono felice per i progressi della tua bimba. Ancora di più lo sono per la forza e l’unione che mostrate quando tutto non è rose e fiori.
    Vi ammiro e , nel mio piccolo, vi voglio ogni giorno un po’ di bene in più.
    Una maxi carezza per 4! 🙂

    • Grazie davvero, Calo!! Non sai che gioia leggere che c’è tanto affetto intorno a noi, alla mia monella in particolare 🙂
      Anche io ti voglio bene pur se da lontano….sei una persona sensibile e intelligente e ti auguro ogni felicità!

  • ciao Maris,
    penso che la forsa interiore per affrontare percorsi difficili sia alimentata proprio ogni giorno da questo alternarsi di salite e discese. Come una dinamo che accumula luce nei momenti di fatica per restituirla nei momenti di quiete.

    Così ho dato anche prova di preparazione elettromeccanica…!

    Mi metto in coda alle carezze di Verd’anima. robi

    • 🙂 e bravo Robi! sei proprio preparatissimo!
      Ti ringrazio delle carezze che, in coda ad altre o meno, arrivano dirette al cuore e fanno tanto piacere.
      Buona serata!

  • Ciao Maris, grazie del passaggio. piano piano, sto cercando di mettermi al primo posto, e non lasciare che gli altri mi mettano i piedi in testa…vedo che anche la tua monella ti fa dannare, io oggi sono andata a trovare mio nipote, e noto che quando è con i cuginetti diventa ingestibile, e mi si stringe il cuore, quando mia sorella lo sgrida…buona serata

    • La mia monella fa qualche capriccio, più che altro…non direi che mi fa dannare per fortuna! Ma le cose positive stanno superando di gran lunga quelle nagative 🙂

      Tu fai bene a cercare di essere un minimo egoista, devi capire che vali e che se qualcuno ti vuole deve emeritarti Mely!
      Un salutone, buona giornata!

  • Mia cara,leggendo quantohai scritto mi sono scese due lacrime, comprendo appieno quanto è grande la sofferenza tua nel momento in cui la dolce figlioletta pare che torni un poco indietro………….ma guarda che secondo me PARE soltanto, la monellina credo che in qualche modo vuole soltanto mettersi sempre più al centrodella tua attenzione…………Certamente per te è al centro dell’universo, ma quello che lei sente anche una mamma attenta e brava come te potrebbe non riuscire a farglielo sentire. Ma questo non è certo colpa tua, hai anche un altro bimbo che non può essere trascurato, oltre alla casa, al maritino, insomma hai un gran da fare e io proprio non so come tu riesca a pensare a tutto. Stai tranquilla, vedrai che tutto piaano piano si sistemerà e la tua bella ffiglioletta passo dopo passo arriverà a raggiungere il traguardo che tu e tutti noi desideriamo per lei e per te. Tieni sempre presente che sei una mamma ECCEZIONALE, non è un complimento ma una VERITA’ , sei una DONNA con la D maiuscola e, credimi, non conosco altre mamme come te, sei UNICA !!!!!!!!!!!!!!! ti abbraccio con tutto il cuore e abbi sempre più fede, i figli non sono nostri, sono dati a noi solo in gestione e quindi metti quanto più puoi la riccioluta nelle mani di Dio, sarà lui a pensarci, tu fai fin troppo !!!!!!!!
    ti abbraccio e sappi che hai tutta la mia ammirazione e anche di Gigi
    elena

    • No, Elena…mi dispiace! Mica intendevo far piangere nessuno! Non preoccuparti, so bene che non ècolpa mia se non posso dedicarmi esclusivamente a Raffaella e dopotutto neppure sarebbe giusto. E’ solo che a volte è un pò brutto vedere dei suoi comportamenti intolleranti o che fanno dispiacere prima di tutto lei stessa, che ben comprende tutto.
      Ma certo che non mi scoraggio, affido sempre a Dio nella preghiera i miei figlioletti e la moenllissima in particoalre che deve affrontare un cammino un pò in salita.
      Grazie dell’incoraggiamento, tu e Gigi siete due amici speciali e adorabili!

  • Ciao Maris,
    i figli sono gioie, dolori, preoccupazioni, sono l’amore imprescindibile, insomma sono tutto e noi a volte ci sentiamo insicure di non dare loro sufficiente attenzione, ci allarmiamo anche delle minime cose e non smettiamo mai, neppure quando sono adulti, di preoccuparci per loro.
    Stai serena e come ha scritto la tua amica Elena, affidali a Dio con fede e vedrai che ti aiuterà a sentirti meno apprensiva.

    Un abbraccio forte forte.
    Nadia

    • Grazie anche a te, Nadia. Come ho già risposto ad Elena già cerco di essere meno ansiosa e più serena proprio attraverso la preghiera e l’affidamento al Signore che ha voluto fare dono a me e a mio marito di questa straordinaria creatura che è la monella riccioluta!
      Un bacione!

  • Mia cara Stella, penso che sia normale che in alcuni giorni la piccola nn abbia voglia e sia piu’ stanca del solito…..non accade perchè ha dei problemi, accade perchè è una bimba e come tutte fa i capricci e spesso ci fa venire voglia di urlare… 🙂
    La monella sta facendo passi da gigante e se, talvolta, nn ha voglia, sono solo capricci normalissimi e non sta tornando indietro…sta’ tranquilla..
    Un abbraccio forte, amica mia
    Anna

    • E’ vero, a volte sono portata ad attribuire al disturbo che ha la monella ogni suo capriccio o momento-no e non sempre magari è così…. Però certamente lei è più predisposta ad avere reazioni esagerate o a non voler colalborare.
      In realtà l’importate è guardare al positivo e ai progressi, dici bene. Tutto il resto, quando capita, va superato con semplicità, lasciandole il tempo di rimettersi in carreggiata!
      Grazie, tanti baci a voi tutti!

  • Tesoro,
    non so cosa stai provando o meglio non posso capirlo perchè al momento non ho figli però non mollare, cerca di stare tranquilla e vedrai che la tua monella continuerà a migliorare…Ogni tanto può capitare che anche lei non ne abbia voglia no? però non vedere questa cosa come un passo indietro.
    Ti abbraccio

    • Betty cara, so che devo sforzarmi di non pensare subito negativamente quando accadono episodi un pò difficili e sono grata a chi come te mi sta spronando a pensare positivo 🙂
      Un grosso bacio, ciao!

  • Cara Maris, già altre prima di me ti hanno detto tante belle parole. Mi posso solo aggiungere a loro e dirti che l’importante è essere in cammino, andare avanti. Non importa se ogni tanto ci si ferma o si torna un po’ indietro. Il tuo coraggio, la tua forza, il tuo ottimismo saranno poi capaci di spingervi di nuovo avanti.
    Vi abbraccio forte forte
    Tamara

  • Maris ti rinnovo i miei abbracci infiniti e penso che molti dovrebbero leggere le tue parole per capire quanto a volte si perde tempo a seguire chissà che, mentre sono altri i valori e le cose importanti da perseguire…
    Baci a te e cuccioli
    cri

    • Non mi stancherò mai dei tuoi pensieri affettuosi e dei tuoi abbracci, seppur virtuali, carissima Cri 🙂
      Spero che in effetti chi passi di qui e legga un pò questo o altri post che parlano della monella possa capire che non tutto è scontato e che le cose spesso vanno conquistate con rinunce e difficoltà.
      Un ciao calorosissimo e a presto!

  • tesoro indipendentemente dai problemi della monella anche noi attraversiamo giorni sì e giorni no, ma sono certa che continuerete a fare grandi passi a vanti e vedrai quante soddisfazioni ti daranno un abbraccio fortissimo ad entrambe 🙂

    • Si Angela, so che ogni mamma vive alti e bassi con i suoi bambini e questo mi consola un pò 😉
      Grazie dell’incoraggiamento e dell’abbraccio!!

  • sono certo tu stia facendo del tuo meglio per lei, anzi credo proprio tu sia bionica per star dietro a tutto e tutti 😀
    comunque si la vita ha alti e bassi, ma accettare questi bassi è sempre difficile :/ un abbraccio!!

    • Wow! Finora nessuno mi aveva mai dato della “bionica” 🙂 eheheh!!!
      A parte i sorrisi, ti ringrazio Pier….io faccio davvero ciò che posso, spero che sia bastevole specie per la monellla riccoluta.
      Ricambio l’abbraccio.

  • Cara Maris ho letto con molto interesse questo tuo bellissimo post. Con i figli, qualunque sia la loro età, è sempre attesa a volte più facile a volte meno. La tua monellina riccioluta , di cui seguo le vicende con molto affetto, mi sembra davvero in gamba e con molto determinata: può accadere che non si abbia voglia di fare una cosa un certo giorno ma come vedi, nei giorni successivi ha dato il meglio di se stessa. E poi, diciamocelo, qualche piccolo capriccio concediamolo ogni tanto: è il loro modo di esprimere un disappunto e mi sembra che ci possa stare. Tenera l’immagine della piccola felice davanti al lettino nuovo!!! E tu sei bravissima, lo penso davvero, perché riesci a vedere il bello che c’è e prosegui il percorso nel modo giusto. Ciao Maris, ti abbraccio!

    • So che ci segui con affetto, Anthea, e questo mi riempie di gioia.
      Sono grata per tue parole di incoraggiamento che sono sempre più che gradite. Spero proprio di riuscire a seguire un percorso il più possibile giusto per la monella.
      Un grosso bacio, ciao!

  • Cara Lilli, quanta tenerezza e commozione leggendo questo post… e non ci crederai, ma ancora oggi quando guardo la nostra Ali… continua a farmi tenerezza pensando alla giovane donna, madre, nonna che sarà un giorno, o forse no le ultime due, chi lo sa, e sì… per ogni giù c’è sempre un su… settimana di fuoco, avessi letto prima questo post:) un caro abbraccio

    • Mia cara Monica, bentronata da queste parti! E’ bello rileggere un tuo commento e sono felice di averti emozionato e anche se hai letto il post in ritardo rispetto alla tua settimana di fuoco…beh, non preoccuparti, cè’è sempre tempo per risollevare il morale e ripartire con serenità!!
      Baci a te e ad Alice che, se assomiglierà alla sua mamma, da grande sarà una donna invidiabile!

Lascia un commento