Lug 12, 2012 - amore, pensieri sparsi, ricordi    4 Comments

La mèta

Cara Lilli,

oggi, in uno dei miei periodici momenti di acuto romanticismo, ho riletto (per l’ennesima volta) un pò di pensieri dedicati nel tempo all’amore della mia vita.

Mi sono soffermata su uno scritto, risalente a circa tre settimane dopo che il mio sogno di stare con lui si era avverato, che esprime la mia convinzione di aver finalmente trovato la felicità cercata affannosamente nei primi 26 anni della mia vita, dopo una breve storia adolescenziale, una strana e indefinibile storia giovanile,  una lunga storia tormentata (e unilaterale, ahimè!) a far da sfondo ad adolescenza e giovinezza, e qua e là situazioni di scarsa rilevanza, destinate a finire in un nulla di fatto già sul nascere.

Ecco cosa scrissi:

LA META

Ognuno ha una sorgente della felicità:

è nascosta in qualche angolo dell’anima.

Io l’ho trovata per caso

e ho seguito il suo corso:

ho attraversato foreste buie e spaventose,

pianure troppo piccole per scegliere di viverci,

interminabili sentieri,

tutti tristemente uguali tra di loro.

Solo ora ho scoperto la mèta luminosa del mio lungo cammino:

ho seguito il fiume della felicità per tutta la vita…

…e mi ha condotto fino a te!

(06/01/2000)

 

Riscriverei mille volte queste parole, Lilli: a distanza di 12 anni e mezzo posso dire che la mia convinzione di allora  non è stata smentita, anzi…è sempre più radicata in me!

Fortunatamente la mia “mèta” nonchè “metà” è dello stesso avviso 🙂

 

La mètaultima modifica: 2012-07-12T15:39:00+00:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

4 Commenti

  • Maris mia cara e bella, che tenerezza !!!!!!!!!!!!! E’ stato per me meraviglioso leggere la tua poesia e capire cosa senti e come sei felice di quello che Dio ti ha dato e come farestiancora e sempre la stessa scelta e così anche il tuo caro maritino. Sai oggi, a dire il vero, è molto difficile che si creino situazioni così belle e durevoli e con basi tanto solide come quella che avete voi due, oggi, putroppo non si vogliono fare sacrifici – ma quando c’è il vero amore i sacrifici non sono tali, è vero ? – e, piano piano…….va via tutto. Forse non tutti comprendono che l’amore non è un brillante che per quanto prezioso lo riponi in fondo ad un cassetto e quando lo vuoi vedere lo prendi e splende sempre alla stessa maniera, e…….no, l’aamore è come una piantina che va innaffiata ogni giorno…………..basta dimenticarsene per un poco che…………….è sfiorita e nessuna cura riesce più a riportarla in vita. BISOGNAVA PENSARCI PRIMA, non ti pare ?
    Sono felice di conoscerti, sono felice che esiste una famiglia bella come la tua !!!!!!!!!!!!!!! Ringrazio Dio di averti dato tanti doni ee a me quello di comprendere come sei !!!!!!!!!!!!!!

    • Sei sempre molto saggia e profonda nei tuoi commenti, Elena. E sei anche così cara nel pensare tante cose belle di me e della mia famiglia: io sono davvero felice perchè so che ciò che ho me lo sono costruito, lavorando come dici tu quotidianamente insieme a mio marito e senza temere di confrontarci, di metterci in discussione e di venirci incontro reciprocamente per comprenderci e amarci sempre di più, facendo del nostro meglio anche con i monelli che sono il dono più grande che potessimo avere dal Cielo!
      Un altro dono sono gli amici e tu e Gigi siete degli amici su cui contare anche se non ci vediamo fisicamente: vi mando un bacione!

  • Maris, mi hai fatto piangere…anche io sto vivendo le tue stesse emozioni…peccato che non ho ancora trovato il mio principe azzurro, per il momento sto provando la vita da single, ti dirò, non è male, però se devo scegliere, preferisco quella a due…spero tanto di trovare presto il mio principe azzurro…buona serata ciao lipp Mely

    • Mely tu hai un animo sensibile e sono certa che troverai la tua strada e la felicità accanto a qualcuno che possa formare con te una coppia unita, che sfida il tempo e le difficoltà.
      🙂

Lascia un commento