giu 15, 2012 - libri e fumetti    16 Comments

I venerdì del libro (88°): AUSTEN – TUTTI I ROMANZI

Cara Lilli,

torno a seguire l’iniziativa di HomeMadeMamma e voglio parlarti di un grosso volume facente parte della collana “I Mammut”  della Newton Compton che mi ha permesso di avere ad un prezzo contenuto (€ 14,90) TUTTI I ROMANZI di Jane Austen.

Devi sapere, Lilli, che io non avevo ancora letto nulla della famosissima scrittrice inglese fino a due anni fa: è stato il Gruppo di Lettura Bryce’s House di cui faccio parte appunto da circa due anni che mi ha dato l’opportunità di leggere e commentare con tante amiche virtuali tutti i romanzi della vecchia Zia Jane (per dirla con chi la ama e la chiama amichevolmente così) e cioè “L’Abbazia di Northanger”, “Ragione e Sentimento”, “Orgoglio e Pregiudizo”, “Mansfield Park”, “Emma” e “Persuasione”.

Non mi dilungherò sui singoli romanzi, ho deciso di scrivere un post per esprimere un mio (personalissimo e quindi opinabilissimo) giudizio generale sulle opere della Austen.

So che probabilmente andrò controcorrente e che susciterò la disapprovazione di molti lettori, ma io confesso di essere rimasta un pò delusa: forse avevo aspettative troppo alte, forse avevo sentito parlare così tanto di questi romanzi che credevo sarebbero stati una lettura affascinante e coinvolgente…non lo so. Però fatto sta che, a parte Ragione e Sentimento e Orgoglio e Pregiudizio, che mi hanno piuttosto preso e che mi hanno fatto amare un bel pò le loro protagoniste, per il resto ho trovato la lettura a tratti noiosa e questo mi ha fatto procede a rilento.

Certo lo spirito della Austen e la sua ironia danno un tocco piacevole a molte pagine, ma poi ci sono interi capitoli delle storie che mi hanno lasciato piuttosto indifferente.

Parlandone nei commenti alle tappe di lettura nel blog del Gruppo Bryce’s House ho avuto modo di avere delle informazioni da amiche particolarmente entusiaste e amanti di questa scrittrice che mi hanno chiarito meglio le idee sullo stile e anche sui periodi differenti in cui sono ambientate le varie storie (che vanno dagli anni ’80 del 1700 – L’Abbazia di Northanger - al 1817 – Persuasione) ma forse proprio per il fatto che la lettura non mi ha coinvolto in modo soddisfacente a me sono apparse tutte molto uguali.

O forse è proprio il periodo stroico che non mi colpisce particolarmente, chi lo sa.

Certo Elinor Dashwood e Lizzy Bennet sono “eroine” che lasciano il segno, Emma Woodhouse un pò tiene il loro confronto, ma le varie Fanny Price, Chaterine Morland e Anne Elliot non mi hanno entusiasmato.

Però di una cosa sono contenta: ho colmato una lacuna letteraria importante, Jane Austen è un’autrice che non si può ignorare e che quindi va affrontata per poi potersi fare una propria opinione così come d’altronde su ogni autore, ma a maggior ragione quando si tratta di qualcuno che ha segnato la storia della letteratura a livello mondiale.

 

Tutti i romanzi. Ediz. integrali

 

<< Solo il vero amore può condurmi al matrimonio, ragion per cui…morirò zitella! >> [Lizzy Bennet - Orgoglio e Pregiudizio]

 

I venerdì del libro su altri blog: 

  

16 Commenti

  • Beh! Che dire! Io invece adoro la zia Jane, ed ho scoperto il gruppo di lettura Bryce’s house proprio grazie a te. Infatti questo mese leggerò Madame Bovary.

    In effetti forse oggi siamo abituati a ritmi più incalzanti, il mondo corre ad alta velocità, e le vicende delle ragazze di campagna di due secoli fa… risultano un po’ noiose!

    • Lo so, ho letto il tuo commento al post su Madame Bovary e sono contenta che tu prenda parte al GdL Bryce’s House :-)
      Per i romanzi della Austen non saprei dirti…non so se è solo questione di ritmi, comunque come ho scritto nel post sono contenta di aver colmato la lacuna, non sono affatto pentita di averli letti!

  • Cara Maris,
    ti posso capire!
    io ho letto tutti i libri di Jane Austen alle superiori e l’ho amata moltissimo.
    ma spesso ho letto libri che sono piaciuti a tutti e io invece ne sono rimasta delusa (mi viene in mente ad es. Profumo di Susskind).
    Forse è vero che ogni libro dev’essere letto nel momento giusto della vita, in caso contrario potrebbe non dirci assolutamente niente!

    buon weekend!
    Cinzia

    • Concordo, forse oncide il momento in cui si legge un liro, cara Cinzia.
      Profumo lo conosco di fama ma non l’ho letto, chissà se resterei un pò delusa come te o no…!
      Ciao e buon weekend anche a te!

  • ma sai che anche io ho trovato belli solo ragione e sentimento e orgoglio e pregiudizio? Gli altri non così tanto!
    Baci Baci
    PS: ma quanto pesa questo librone?? :D

    • Penso che i due romanzi che entrambe abbiamo apprezzato di più siano quelli preferiti di molti lettori, oggettivamente sono più coinvolgenti credo :-)
      Un bacione Elena!

  • Io ho adorato “zia Jane” quando ero una ragazzina…ma su alcune cose concordo con te. La lettura è sempre molto personale e dipendono i giudizi dai nostri trascorsi. Un libro può comunicare.

  • ciao stellina, molto dipende dal periodo in cui si leggono . Io ho periodi “horror” ma ci sono altri in cui non digerisco nemmeno il vampiro innamorato., :)

  • Ero perfettamente convinta di avere commentato sulla mia amata Jane Austen, invece tornando qui per vedere risposte e novità scopro che, sigh, me lo ero sognata. Scusami.
    Allora, dicevo che invece, come per Aliceland, anche per me Jane Austen è irrinunciabile, tanto che sia Orgoglio e Pregiudizio sia Emma sono stati i primi due libri su cui ho schiacciato un’alba di lettura. Un po’ deve essere il mio amore smisurato per l’amata Inghilterra. E un po’ il fatto che la letteratura inglese mi piace tutta quanta.
    Un abbraccio, cara.

    • Ma figurati, non c’è problema ‘povna! Anche io a volte sono convinta di aver commentato da qualche parte e poi scopro che lo avevo solo pensato ;-)
      I gusti letterari sono personali, si sa…ma comunque io Orgoglio e Pregiudizio e anche Ragione e Sentimento li ho apprezzati, eh? Non dico mica che la Austen è da buttar via :-) ci mancherebbe altro!!!
      Ciao, a presto!

  • Mi riprometto sempre di leggere qualcosa della Austen, ma poi il tempo passa e non lo faccio mai… Promesso che la prima volta che rientro in una libreria compro qualcosa di suo e me lo leggo.

    Bella questa cosa del “venerdì del libro”, vorrei proprio aderire a questa iniziativa, peccato che per stavolta ho sbagliato giorno, sarà per la prossima.
    Un bacio mia cara

    • Si, devi colmare anche tu la lacuna, come ho fatto io in questi ultimi due anni. Jane Austen è un’autrice troppo importante per ignorarla, anche se poi magari potrebbe non essere il tuo genere preferito. Ripeto, io sono felice di aver letto tutti i suoi romanzi al di là del fatto che alcuni mi hanno deluso un pò.

      Per il Venerdì del libro…beh, sarebbe bellissimo se tu volessi partecipare anche non per forza tutti i venerdì! Sul sito HomeMadeMamma linkato nel mio post trovi tutti i dettagli dell’iniziativa :-)

      Un bacione!

  • Ancora non ho letto suoi libri ma, in compenso, ne ho letto uno che l’aveva come protagonista, narratrice in prima persona.

    • Io invece ho letto i suoi romanzi ma non quello di cui parli tu…ma quel’è il titolo? Forse Il diario perduto di Jane Austen? Io quello l’ho regalato ad un’amica in uno swap libresco conoscendo il suo amore per la Austen, però non l’ho letto.

Lascia un Commento