Feb 9, 2012 - Ricette di cucina    26 Comments

Polpette di tonno

Cara Lilli,

vuoi conoscere una ricettina facile e buona che io ho preso pari pari dal blog della mitica Elena Gnamgnam e che piace molto a casa mia?

Ecco a te le polpette di tonno 🙂

Ingredienti:

·         2 scatolette di tonno al naturale

·         250g di pane

·         2 uova

·         3 cucchiai di olio extravergine d’oliva

·         un cucchiaio di cipolla tritata

·         pangrattato

·         sale

·         pepe

·         olio per friggere

 

Procedimento:

Eliminate l’acqua dal tonno e trasferite in una terrina.

Aggiungere la mollica di pane, le uova, l’olio, il sale, il pepe e la cipolla.

Impastate il tutto. Se risultasse troppo morbido, aggiungete del pangrattato.

Formate le polpette e passatele nel pan grattato.

Friggere in abbondante olio e servire.  

 

Buonissime!!! E io sono diventata così “pratica” di questo piatto che oramai vado ad occhio e non peso più nulla….vengono sempre benissimo 😉

 

Una rappresentanza di queste deliziose polpette…

 

ricette,secondi piatti,pesce,tonno,frittura

 

 Buon appetito, Lilli!

Polpette di tonnoultima modifica: 2012-02-09T11:20:26+00:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

26 Commenti

  • Maris devono essere buonissime…le proverò sicuramente perchè mi ispirano tantissimo!
    Ti abbraccio amica mia…

    • Anche a me qyuando lessi la ricetta ispirarono tantissimo…e infatti poi le ho fatte e gradite talmente da rifarle decine di volte oramai!!
      Prova Betty, non te ne pentirai 🙂

  • che bontà! mi verrebbe voglia di mangiare lo schermo!
    Baci Baci

  • Invitanti e veloci (bellissima la foto, sarà che sono le 14.47 e devo pranzare!!! Offri??). Grazie per la ricetta potrebbe essere la cena di questa sera. Ciao!

    • Un’offerta virtuale non si nega mai, Anthea carissima 🙂
      Sono certa che se le preparerai stasero o un’altro giorno resterai soddisfatta: sono sfiziose e saporite!
      Baci!

  • Stasera le faccio per cena! Grazie per l’idea non sapevo proprio che mettere in tavola oggi!!

    • Prego Iva! queste polpettine sono state una scoperta per me e sono diventate un mio piatto forte 😉

  • Cara Lilli…
    lo dici tu a Maris che non so friggere 🙁 magari provo a farle al forno!
    Gli ingredienti mi ispirano.

    • Lilli mi ha detto tutto, cara Monica 😉 ihihih!
      Io al forno non le ho mai provate, ma penso possano venire comunque buone…..prova, magari mi fai sapere se l’esperimento è riuscito!

  • Io non amo il tonno ma le polptette siiiiiiiiiiiiiiii 🙂
    Non preoccuparti Maris quando puoi ti leggo volentierissimo!
    Buona serata

    • Io invece il tonno è uno dei pochi pesci che mangio!
      Un bacione, Lacrima….sono felice quando posso lasciarti un pensiero e un saluto 🙂

  • UHMMMMMM…….Il tonno!!!! Mi stai uccidendo!!!!! E’ il mio pesce preferito…anzi, per dire la verità, l’unico pesce che mangio!!! Queste polpette devono essere fantastiche!!! Ciaooooooo
    Cri
    ^_____^

    • Come dicevo nella risposta al commento precedente, Cri, il tonno è uno dei pochi pesci che mangio…devi provare queste polpettine se anche a te piace il tonno, sono un successo assicurato!

  • Fatte e un pò modificate… tolto pane e cipolla e messa la ricotta… buonissime!!! :D:D:D

    • Interessante variante Iva, brava!
      Io non potrei farla perchè mio marito non mangia latte e derivati 🙁 comunque, non è detto che non la provi, magari solo per me 🙂
      Un bacio!

  • ma che carine ti sono venute maris! bravissima sorellina cara!!!

  • Risotto alla rosa

    Ingredienti (x 2 persone ovviamente!): 200 grammi di riso, 50 grammi di burro, 20 grammi di petali di rosa canina, selvatica e profumata non trattate, 1 cipolla, 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva, brodo vegetale, 1 bicchiere di vino bianco secco, parmigiano reggiano, sale q.b.

    Preparazione:

    – mettete a bagno i petali di rosa in una ciotolina di acqua per due ore;
    – sbucciate la cipolla e tagliala grossolanamente a fette;
    – mettete in una pentola il burro con l’olio extravergine d’oliva, e aggiungetevi la cipolla;
    – versate il riso e fatelo tostare qualche minuto, sfumate poi con il vino;
    – quando il vino sarà asciugato del tutto aggiungete il brodo, in modo da coprire tutto il riso di due dita;
    – abbassate il fuoco, e a metà cottura aggiungete i petali di rosa;
    – mescolando aggiungete altro burro per mantecare ed infine il Parmigiano.

    • Ehi, allora sei anche un buongustaio! Ma tu ci sai fare ai fornelli o preferisci che altri cucinino per te?
      Mio marito ad esempio è abbastanza inesperto, ma più che altro perchè non ha mai cucinato in vita sua, solo dopo sposati ha messo mano a qualche pietanza proprio di base.
      Grazie per la ricetta!!!

  • Ricetta segnata!!! 😉

  • Certo che cucino, mi piace anche, ma per oppurtunismo e meglio che lo facciano gli altri.

    Un primo piatto buonissimo: pasta con i calamari. La pasta per la calamarata, CALAMARETTI,, la produce la de cecco o la gragnao). E’ un tipo di pasta che sembrano rondelle di calamaro.

    per 1 persona (vado a occhio):

    1 calamaro grosso
    5-6 pomodori pachini
    olio quanto basta
    1 spicchio di aglio
    peperoncino
    una spruzzata di vino bianco
    un ciuffo di prezzemolo
    un po’ di paprica dolce
    pasta per la calamarata

    Meglio se ti fai pulire il calamaro e fatteli tagliare a rondelle di 2 cm. Lavarli.
    In una padella che possa contenere anche la pasta mettere a scaldare un po’ di olio con l’aglio tagliato a pezzetti e il peperoncino.
    Aggiungere i calamari facendoli cominciare a cuocere a fuoco medio con il coperchio.
    Spezzettare intanto i pomodorini e aggiungerli ai calamari con un po’ di vino bianco. Continuare con la cottura per circa 15 minuti, facendo ritirare un po’ il sugo e aggiustare di sale (non prima, altrimenti i calamari vengono duri)
    Aggiungere la paprica e spegnere il fuoco.

    • Buonissima la calamarata cucinata così!!! Conosco bene quel formato di pasta e mi piace 🙂 e i calamari sono molto amati da me e mio marito!

  • …volevo scrivere “oppurtunità”, ma OPPORTUNISMO è piu’ eufonico…

Lascia un commento