Feb 7, 2012 - Figli, pensieri sparsi    38 Comments

Quando “palla” non è solo una parola

Cara Lilli,

c’è un concetto che io ho sempre amato esprimere: tutto è relativo. Si, di assoluto c’è ben poco, ne sono fermamente convinta. Ci sono cose che hanno significati e valori diversi a seconda di chi le vive, se si tratta di esperienze o avvenimenti, e a seconda di chi le dice, se si tratta di parole.

E in questo caso ti voglio portare l’esempio di una parola, una semplice parola di uso comune che tu diresti: che altro senso può avere se non quello che tutti le attribuiscono? Prendi la parola “palla” e dimmi: cosa potrebbe mai indicare se non un oggetto sferico che può essere di grandezza e materiali diversi ma che comunque resta sempre un oggetto di forma sferica che rotola?

Ebbene, se questa semplice parola la pronuncia un qualsiasi bambino di 4 anni e mezzo circa la sua mamma neppure ci fa caso, è normale così. Ma se la pronuncia una bambina di 4 anni e mezzo circa che fino ad un attimo prima avevo detto solo stentatamente “mamma” e “papà” e ripetuto le vocali e qualche sillaba come “ba-be-bi-bo-bu” o “ta-te-ti-to-tu”…beh, assume tutto un altro valore e significa: “Ecco, forse ho trovato la chiave per aprire la simbolica porta della comunicazione verbale e adesso inizia una nuova epoca per me!”.

Va bene, Lilli….te l’ho portata un pò a lungo, perdonami, ma ciò che voglio farti sapere in realtà è che la mia monella riccioluta ha proununciato distintamente la parola PALLA!!! Si, hai letto bene!!! A dire il vero è accaduto una ventina di giorni fa ma ho voluto aspettare di vedere come si evolveva la situazione prima di darti la notizia, questa notizia che desideravo darti non sai da quanto tempo e che in certi momenti di sfiducia ho temuto che non avrei mai potuto darti…

Ebbene ora non solo posso raccontarti di come l’ha detto una volta, poi due, tre, poi tantissime volte, ma anche di come a “palla” sono seguite nel giro di pochi giorni altre parole: “latte”, “auto”, “pera”, “pipì”, “pappa”, “Lella” (alla domanda: come ti chiami?), “si” (adesso davvero deciso) e “do” per no e poi accenni di parole (“agua” che sarebbe acqua, “totto” per biscotto, “tao” per ciao, “Atotio” alla domanda: come si chiama il fratellino?) che per adesso sono solo tentativi  ma che dimostrano come lei ora, FINALMENTE, desideri imparare a parlare.

Lo aveva detto già da molte settimane la logopedista che la comprensione era davvero buona, che era alta la soglia di attenzione durante le sedute di terapia e che prima o poi tutto ciò che “entrava” in qualche modo sarebbe anche “uscito”, quando la monella avrebbe sentito dentro di sè lo stimolo, il desiderio di parlare per davvero, di esprimersi, di farsi capire dagli altri non più a gesti o con i capricci e i pianti.

E sai la cosa troppo carina? Molte delle parole che cerca di pronunciare sono i nomi dei suoi pupazzi preferiti!!

Fa un suono buffo che non so riprodurre per iscritto per indicare “Tinky Winky”, poi dice “Pippi” per indicare Dipsy, “Lala” e “Po” li dice bene (sono troppo facili!) e poi non può mancare all’appello Winnie The Pooh, per lei solo “Pu”, e naturalmente l’amata gattina che da Hello Kitty nella sua lingua attuale diventa “Alo Titti” 🙂

E quando le canto “Tanti auguri…” e mi fermo, lei sorride con tutta la dentiera (!!) e continua dicendo”…a te!” e andiamo avanti con tutta la strofetta e alla fine batte le mani felicissima 🙂

Ecco, è questo il punto importante: la mia monella è felice! E’ orgogliosa di sentirsi dire che è stata brava, è contenta di provare a dire varie cose anche se non ci riesce ancora….ma lei ora si butta, sbaglia, storpia le parole e ne ride, proprio come fanno normalmente i bambini ad un anno e mezzo/due  o poco più….e il fatto che lei di anni ne abbia quasi 4 e mezzo la rende mille volte più tenera.

Credimi, Lilli, è commovente vederla sforzarsi per pronunciare quei suoni che sono una vera e propria conquista per lei. Ed io, che sono la sua mamma e che non ci ho dormito la notte pensando che forse non avrebbe mai parlato, ora non posso che sciogliermi letteralmente davanti a questo piccolo-grande miracolo.

So che questo è soltanto l’inizio, che di lavoro a da fare ce n’è tanto, che parlare non è la sola cosa che deve imparare a fare bene, ci sono altri problemi da affrontare e da risolvere. Ma siamo sulla buona strada, ora ne ho la conferma.

Amore della mamma sono tanto orgogliosa di te!!!

Quando “palla” non è solo una parolaultima modifica: 2012-02-07T17:39:00+00:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

38 Commenti

  • Complimenti per il traguardo… anche il mio cuginetto ha avuto di questi problemi e pian piano sta recuperando…. Forza e coraggio! Un bacio alla piccolina!

    • Ti ringrazio tanto, Iva….è incoraggiante sapere che ci sono altri bambini che hanno avuto problemi simili e poi hanno recuperato!!
      Un bacio!

  • Che bella notizia Maris. Sono proprio felice. Come ho scritto sotto il titolo del mio blog: anche un lungo viaggio inizia sempre con passo…
    Un abbraccio
    p.s. anche per me Whinnie the pooh è sempre, soltanto, Pu! Molto più dolce… 🙂

    • Sei dolce, Fru….grazie!
      Raffy un grande Pu ce l’ha nel lettino con lei la notte ed è lì a farle compagnia quasi da quando è nata!

  • Credo tu abbia spiegato le difficoltà che Raffa aveva. Posso rassicurarti? io ho fatto quasi lo stesso percorso di tua figlia. Alla soglia dell’anno avevo iniziato a direr qualche parolina (mama, tata, pappa) poi basta. Non ho detto più NULLA, i miei mi portarono dalla logopedista e quest’ultima disse che non avevo problemi di apprendimento, infatti quando mi facevano delle domande (indica dov’è il giallo, indica dov’è la matita, manda un bacio) io facevo ma segnavo solo con il dito. A quasi cinque anni la situazione si è sbloccata e ho inziato (come Raffa) a parlare!! e ora sono una chiaccherona!!eheheh Vedrai etsoro che andrà tutto bene e che Raffa parlerà sempre di più!!

    • Non immaginavo che anche tu potessi aver avuto problemi del genre da oiccola, Erika…grazie per aver condiviso questa cosa e per avermi così incoraggiato!
      La mia monella ha comunque dei problemi comportamentali al di là del blocco del linguaggio e quelli vanno ancora seguiti e le cose non sono sempre facili…ma andiamo avanti tutta, ce la faremo!

  • E’ una bellissima notizia!!! E adesso preparati, il bello deve ancora venire!!!
    Ciao ciao
    cri

  • Maris sono tanto tanto contenta dei progressi fatti dalla tua bimba! Posso immaginare la tua gioia, il tuo sorriso nell’ascoltare le paroline che pronuncia la tua bimba, il tuo orgoglio per questa grande conquista. E sono davvero felice che per la tua bimba sia un momento felice! Continuate così, un abbraccio ad entrambe!

    • grazie Claudia, una felicità condivisa è una felicità moltiplicata e quindi io sono ancora più felice ora che leggo tante manifestazioni di gioia e commozione da parte dei miei amici di blog!!!

  • Carissima Maris, come dici tutto è davvero relativo, ma leggendo le conquiste della monella ricciolute (che poi sono anche le tue e di tutti quelli che vi stanno aiutando) mi sono emozionata e commossa in maniera assoluta. L’affrontare le difficoltà conn tenacia e costanza e superare i propri piccoli/grandi limiti appartiene a tutti noi. E poterne gioire è un’emozione unica. Sono felice per voi tutti. Un bacio

    • Sei cara davvero Mammozza e come dicevo prima a Claudia condividere questa mia felicità mi sta portanto tanta altra felicità “di ritorno” e questo mi è di stimolo per andare avanti in questo percorso con la mia monella!!
      Un bacione!

  • ciao Maris,
    mia moglie ha letto il tuo tenero post ed ha trovato un’analogia con un suo allievo della scuola materna che a quattro anni non si esprimeva e viveva in un mondo tutto suo. Quando, nel corso dell’anno, ha iniziato a dire le prime parole sembrava un miracolo per la scuola, invece i miglioramenti sono stati rapidi e proprio in questi giorni le hanno riportato che in prima elementare sta parlando normalmente.
    Ci hai fatto commuovere. Un abbraccio da robi e lina

    • Robi, grazie del commento così affettuoso!
      Come l’esperienza di Erika che mi ha scritto in un commento precedente, anche questa dell’alunno di tua moglie mi conforta e mi incoraggia.
      Un abbraccio forte a te e Lina!

  • cCarissima, dirti che sono felice è poca cosa, forse ci vorrebbero parole nuove per farti sentire quanto sono contenta per tutto, specialmente per come tu hai lavorato per ottenere tutto questo e non ti sei fatta prendere dallo scoramento……..sei grande Maris, e la tua mamma ti sta guardando anche lei felice……………chissà, forse c’è stato anche il suo aiuto, non ti pare ? Auguri, tesoro mio, auguri a te, a tuo marito alla bellissima figlioletta che adesso ti romperà i timpani con il suo continuo parlare ……che felicità !!!!!!!!!

    • Cara Elena, non è stato facile finora e so che non lo sarà neppure da adesso in poi perchè c’è molto lavoro ancora da fare, ma abbiamo dato il via a questa “corsa” e davvero vogliamo arrivare fino al traguardo, cercando di risolvere tutti i problemi che si presenteranno.
      Grazie di cuore per il tuo pensiero costante e un bacione! A presto!!

  • Mia cara,
    vedrai che la monella riccioluta migliorerà sempre di più e tu sarai sempre più fiera di lei!!I bambini ci stupiscono sempre, e la cucciolotta ci farà rimanere senza parole!!!!!
    Un abbraccio forte a tutti!!!!

    • Si, Anna, i bambini sanno stupirci e la monella ha fatto all’improvviso un bel passo…anzi direi un bel salto in avanti 🙂 speriamo sempre in meglio adesso!
      Grazie mille per l’incoraggiamento e tanti baci a voi quattro!

  • Mi hai fatto venire le lacrime agli occhi, cara maris.
    Sono veramente felice per te. Perchè la frustrazione che hai provato in questi anni io la posso solo immaginare…e so per certo, invece, che grazie a “palla” ora tu hai uno stimolo in più per continuare.
    Raffaella è una bimba molto intelligente, forse un pò troppo “caparbia”, ma sono sicura che dopo questa scoperta, dopo tutta questa felicità provata, lei abbia sempre più voglia di farsi comprendere da chi le sta attorno.
    Un abbraccio a te, mamma speciale, e uno forte forte alla tua monella riccioluta.
    Brava….anzi, brave!

    • Deni cara, aspettavo il tuo commento…sapevo che leggendo il post saresti stata felicissima ed infatti è così!!!
      Ti ringrazio per il sostegno anche nei mesi passati (anzi direi anni oramai….sul forum di gnamgnam ci siamo incontrate nel settembre 2009!) e conto per un sostegno anche per i mesi futuri perchè, come sto dicendo a tutti, il cammino è ancora lungo.
      Un bacione, ciao!

  • Cara Maris, questa notizia e questa tua gioia mi hanno fatto commuovere. Ti ho incrociata da poco, ma da tutto quello che scrivi ti riveli una persona dal cuore grande. Sono davvero felice per te e la tua bambina!
    Bacioni a voi!
    PS: anch’io amo dire che tutto è relativo… 😉

    • Grazie Tamara per essere tu una persona dal cuore grande, dato che comprendi con sensibilità ciò che scrivo e lo apprezzi….e in questo caso ne gioisci!
      Un bacione!!

  • Maris!!!!!!!!! Che notizia fantastica!!!! Non avrei potuto leggere novità migliore sul tuo blog!!!
    Sono tanto tanto felice!
    La strada sarà lunga, ma l’aver aperto un varco e aver dato un inizio deciso al miglioramento non possono che darti ancora più forza e coraggio!!
    Vedrai che le cose continueranno a migliorare! E io sarò qua a gioire con te dei successi di questa monella riccioluta!
    Vi stringo in un caldo abbraccio!
    Roby

    • Roby, tesoro, eccoti! Sono più che certa che avrai fatto un sorrisone a 32 denti leggendo il mio post, perchè so quanto tu sia dolce e quanto tu segua questa situazione con affetto.
      Speriamo davvero che tutto proceda sempre meglio 🙂
      Tanti bacini a i tuoi bimbi e un bacione a te!

  • vedrai che anche quelli se ne andranno via via col tempo!! un bacione a te sorellina mia!! e come dici tu, avanti tutta, SEMPRE!!!

    • Ti ringrazio di nuovo, sorellina 🙂 spero che davvero con il lavoro e le terapie e soprattutto con tanto amore la mia monella si lasci alle spalle anche gli altri problemi e vada sempre avanti 😉

  • Tutto è relativo, cara Maris. Per esempio, un’altra mamma al posto tuo sarebbe lì a piangersi addosso per i problemi della sua piccola. Tu invece gioisci per i suoi miglioramenti.
    Sei davvero una donna in gamba!

  • Il tuo commento è davvero bellissimo, grazie caro Mimmo! Mi hai fatto arrossire, spero di essere talmente in gamba da aiutare ancora la mia monellina a progredire sempre più, con le indicazioni delle terapiste, perchè questa è la cosa che più conta attualmente per me.
    Un abbraccio, grazie ancora!

  • :-))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))))

    Felicissima per la tua bimba!
    E felicissima per lo straordinario e coraggioso “cuore di mamma” che ci hai donato attraverso questo post!! GRAZIE!!!

    • Sono io che ringrazio te per questo tuo bell’entusiasmo che mi dà la carica per fare ancora meglio e andare avanti con la mia monellina, cara Verd’anima!!!
      Bacioni!

  • Maris… sorella mia… non immagini quanto mi piacerebbe poter abbracciare la tua monella e stringerla forte, facendole tutti i miei complimenti e le feste che merita… sta proprio crescendo e questi progressi entrano dritti nel cuore…
    Sei davvero speciale, perchè tutto questo è merito tuo, lo sai vero? io un abbraccio e i complimenti li faccio soprattutto a te che hai la forza di fare davvero tanto.
    ecco vedi… solo al pensiero di questa splendida notizia poi mi scendono le lacrime, perchè vorrei davvero esservi vicine in questo attimo magico!
    Sono sicura che la monella continuerà sempre così!!
    ti abbraccio, vi voglio bene!

    • E invece lo immagino, Trofi carissima!!! So che sei sincera e che psrtecipi col cuore a tutto ciò che io sto vivendo e che vuoi bene alla mia monella pur non conoscendola personalmente, così come vuoi bene a me…
      Grazie di tutto il sostegno, ci conto anche per il futuro, perchè ci sono tanti passetti da fare ancora…ma siamo sulla buona strada credo!
      Ti abbraccio anche io e ricambio tutto il tuo affetto, sorellina mia!

  • Maris, non posso che complimentarmi con la monella che finalmente ha deciso di vuotare il sacco…sono davvero felice per te, per voi e per l’obiettivo raggiunto…Ora che ha iniziato a parlare non la ferma più nessuno!
    Betty dal b&b

  • Cara Maris, non sai quanto mi ha commossa e reso felice questa bellissima notizia. Credo che difficilmente avresti potuto provare una gioia più grande e se voi siete orgogliosi di lei la tua bimba lo è altrettanto di voi che l’aiutate ogni giorno con infinito amore e pazienza. Quando sarà un po’ più grande sarà una chiacchierona e rimarrà il ricordo di un bel pezzo di strada fatta insieme sul percorso della comunicazione. Grazie per avercelo raccontato: tifo per voi. Un abbraccio grande!

    • E’ proprio una delle gioie più grandi mai provate, Anthea, hai ragione! Continua a tifare per noi, mi raccomando, perchè il cammino non finisce qui….continua e continua e continua….dobbiamo farne di strada!!
      Ricambio l’abbraccio!

  • ciao sono approdata per caso nel tuo blog…..e mi hai davvero commosso leggendo le tue parole……anchio ho una bimba di 3 anni e mezzo con un ritardo nel linguaggio e fa logopedia e devo dire ke ci sono netti miglioramenti abbi fiducia ke le nostre monelle parleranno un abbraccio a te e alla piccola e in bocca al lupo……crepi

    • Cara Lia, grazie di aver voluto lasciare traccia del tuo passaggio dal mio blog. Mi conforta molto sapere che c’è chi mi capisce perchè vive una situazione simile a quella che vivo con la mia monella. E mi conforta ancora di più leggere che la tua bambina sta avendo buoni risultati con la logopedia 🙂
      La mia monella purtroppo no ha solo problemi di linguaggio perchè c’è tutta una serie di cose derivanti dal disturbo pervasivo dello sviluppo, ma andiamo avanti e procediamo un passo alla volta….cercheremo di colmare tutte le lacune!
      Un in bocca al lupo anche per te e la tua bimba e un abbraccio!
      Torna a trovarmi quando vuoi 🙂

Lascia un commento