set 17, 2011 - Ricette di cucina    20 Comments

Danubio (doppia versione)

Cara Lilli,

un paio di anni fa decisi di provare per la prima volta a fare un rustico che nelle mie zone si usa molto: il DANUBIO. E’ simpaticissimo, tutto a palline ripiene da staccare e gustare una ad una :-)

Presi la ricetta dal blog della bravissima Misya e fui così contenta del risultato che da allora l’ho rifatto molte volte ed è sempre piaciuto a tutti!

Ti riporto fedelmente la ricetta più le mie note:

 

Ingredienti (x 1 danubio)
375 gr farina 00,
1 uovo + 1 tuorlo,
1 patata medie,
1 panetto di lievito di birra,
½  bicchiere di latte,
50 gr di burro
50 gr di parmigiano,
½  cucchiaino di zucchero,
2 cucchiaini di sale

 

Ripieno: 175 gr di provolino filante e 175 gr di prosciutto cotto

(nota mia: io di solito non uso formaggio perchè non piace a mio marito, quindi accoppio al prosciutto cotto il salame o la mortadella o i wurstel a pezzetti)

·    1 uovo per spennellare

Procedimento:
Lessare la patata.
Tagliate il provolino a cubetti e il prosciutto cotto a sfilaccetti o a cubetti se preferite.

Mettere la farina in una ciotola molto ampia, fare un solco al centro e aggiungere la patata ancora calda ridotta a purea.

Aggiungere ora il burro ammorbidito a sfoglie, le uova, lo zucchero e il parmigiano grattugiato e un pò per volta il latte con all’interno disciolto il lievito.

Iniziare ad impastare, aggiungere il sale e far unire tutti gli ingredienti.

Poggiare il panetto su una spianatoia infarinata e far lievitare per circa 1 ora al coperto.

Quando il panetto sarà raddopiato di volume, staccare tante palline di pasta (circa 16) (nota mia: a me ne vengono di meno, le faccio un pò più grandine)

Stendere leggermente con le mani ogni pallina come se fosse una pizzetta e farcirla con prosciutto e formaggio (non appiattire la pasta con il mattarello ma stenderla delicatamente con le mani).

Sigillare bene la pallina di danubio e proseguire con la farcitura delle altre palline.
Man mano che preparate le palline poggiatele in un ruoto abbastanza alto ricoperto di carta forno e distanziate le une dalle altre.

Mettere il danubio a lievitare per 1 ora al caldo.
Spennellare ogni pallina del danubio con un uovo sbattuto e infornarlo a 180° per 30/40 minuti circa.

 

Lasciar intiepidire prima di servire in tavola.

 

Ed ecco uno dei miei danubi, Lilli:

ricette,rustici,salumi,formaggio,tonno,olive,capperi

Bello vero? E’ invitante….!!!

Dal titolo del post, però, avrai capito che c’è pure una seconda versione di questo rustico: infatti, un piao di sere fa, volendolo fare ma non avendo alcun salume in frigo, mi sono inventata il “danubio versione marinara”….cioè col tonno!

Il ripieno l’ho fatto con:

- tre scatolette di tonno al naturale

- una decina di olive verdi denocciolate

- una manciata di capperi sotto sale

- un paio di cucchiai di mais dolce

- olio evo

- origano

E’ bastato sbriciolare il tonno, unirvi le olive a pezzetti, i capperi dissalati un pò sotto l’acqua corrente e il mais, condire con un filo d’olio evo e un pizzico di origano e mettere un cucchiaio circa di ripieno in ogni pallina al posto dei salumi ;-)

Bella idea, eh? Buono anche così!!!

Buon appetito, Lilli!

 

PS: Più in là ti posterò la ricetta del danubio dolce alla nutella…..slurp!

 

20 Commenti

  • Io dico sempre che in cucina sono l’insieme di tre regioni: il mio adorato Veneto,il Piemonte e la Campania.
    Il Veneto eprchè la mia regione, quindi da mamma e nonna sono cresciuta con squisitezze della nostra regione: bigoli all’anitra, polenta, fegato alla veneziana, baccalà ecc..
    Il Piemonte perchè seguendo spesso Benedetta Parodi, è inevitabile non cucinare piatti tipici piemontesi (buonissimi tra l’altro!).
    La Campania, perchè proprio grazie a Misya, ho imparato a cucinare qualcosa di diverso, di particolare che a casa mia non si fa (a casa mia si cucina piatti tradizionali!).Grazie a lei ho imparato a cucinare tantissime cose, anche le più semplice. Ad assaggiare cose che mai pensavo di assaggiare (perchè dicevo che non mi piacevano a priori). E poi ho imparato a conoscere piatti napoletani!
    Il danubio, l’ho conosciuto grazie a Misya ma lo devo ancora fare; grazie per avermelo ricordato cara Maris!! credo che lo farò presto…un bacione enorme amica mia!!
    ps. che commento lungo, sorry!!

    • Ihihih….allora non sono solo io a lasciare in giro commenti lunghi come poemi epici :-D
      Don’t worry, sorellina!
      Sono felice che sperimenti piatti di più regioni e che i piatti napoletani e campani in genere ti siano piaciuti.
      Quando farai il danubio sarai certamente soddisfatta, vedrai!

  • Ciao cara,
    sai che non conoscevo proprio questo piatto? Hai allargato la mia cultura in cucina e tra l’altro deve essere proprio buono… non saprei nemmeno quale scegliere dei due brava.
    E aspetto la ricetta di quello alla Nutella mi raccomando… e pensare che sarei a dieta sigh
    A presto

  • Il Danubio mi piace molto…adesso, da brava golosona che sono, aspetto quello con la nutella! :) )
    baci Baci

    • Allora quello alla nutella ti manca….bene, quando posterò la ricetta lo dovrai proprio provare e vedrai che bontà anche quello :-)

  • Che bello! Immagino che sia anche buonissimo ma mi ha colpito molto l’aspetto, si presenta benissimo e mi piacerebbe assaggiarne una pallina!

  • Ma è bellissima! E sembra anche buonissima! da provare maris! La prima versione però! :)

  • Ciao Maris!!
    grandeeeeee!! una mia collega per il suo compleanno una volta ha portato proprio questo rustico, era davvero buono e se non sbaglio si chiamava proprio così… fatto sta che non lavoro più con me e prima di andarsene si è sempre dimenticata di darmi la ricetta… io ci tenevo molto perchè volevo farlo assaggiare a Vesevo!!
    Sta sera ho l’insalata di mare presa da una ricetta di Mira, ma per domani farò una bellissima sorpresa a Vesevo!!

    ps: adoro la nutella… ma quindi secondo te è possibile farlo anche bi-colore e farlo sembrare un pallone di calcio a scacchi?? sai Vesevo è peggio di un bambino quando si parla di calcio!!

    • tesoro, sono felice se con questo mio post potrai fare una bella sorpresa a Vesevo :-) ci si impiega un pochettino giusto per fare le palline e riempirle ma poi è una bella soddifazione!

      Quello dolce alla nutella non è bicolore, la nutella è all’interno, ma chissà….mi hai dato un’ispirazione….magari si può fare una metà impasto con del cacao dentro per renderlo marrone….ci penso e se ho modo provo!!

  • mmmmmmmmmmmm che bello e che buono ! :o )
    questo so farlo anche io !
    aspetto la versione dolce che invece non conosco !
    gnam gnam …che fame .

    buona domenica
    a presto cara
    baci

    • Brava allora, mi fa piacere che sai farlo anche tu! Buono, vero?
      Quello dolce è altrettanto buono….lo vedrai .-)

  • Si, proprio vero, un piatto per far bella figura con degli ospiti :-)

  • Carissima…mi tocca fare anche questo rustico….le tue ricette di rustici hanno sempre riscosso un enorme successo…un bacio

Lascia un Commento