Mag 3, 2010 - amore, ricordi    4 Comments

Il giorno più bello (prima parte)

Cara Lilli,

quante persone possono in assoluta sincerità dire, a proposito del giorno del loro matrimonio, che tutto è stato esattamente come desideravano che fosse? Io si, posso dirlo! E mi ritengo fortunata, dato che spesso ho sentito altri rammaricarsi delle cose più svariate riguardanti la cerimonia o anche tutto il “contorno” (abiti, bomboniere, banchetto, servizio fotografico…)

Il giorno del mio matrimonio è stato effettivamente il “giorno più bello”! Io e la mia dolce metà abbiamo progettato tutto da soli, seguendo i nostri gusti (che per fortuna coincidevano).

Indossavo un abito che mi donava molto, in raso color avorio con un leggero strascico e il corpetto decorato con delle perline e soprattutto col velo lungo come avevo sempre desiderato, e mio marito era davvero elegante e affascinante, in un completo nero con camicia bianca, panciotto grigio perla e cravattone dello stesso colore.

La chiesa scelta (la cripta del Duomo di Avellino) era stupenda, addobbata senza esagerare con delle bellissime rose color panna , uguali a quelle del mio bouquet.

Avevo un paggetto d’eccezione: il mio adorato nipotino, figlio di mio fratello, che all’epoca aveva 5 anni e mezzo. Immagina, Lilli, un angioletto biondo con gli occhioni azzurri, vestito di tutto punto con giacca e papillon! Aveva tre compiti speciali: aprire lo sportello dell’automobile per farmi scendere davanti alla chiesa, accompagnarmi per le scale (in discesa) che erano all’ingresso della cripta, dato che il mio povero papà già camminava a stento e non avrebbe potuto farlo, e in ultimo portare le fedi all’altare.

Però Lilli, ci tengo a dirlo, mio padre anche solo per pochi istanti mi ha accompagnato….a metà della navata ho lasciato la manina del mio paggetto e ho dato il braccio a mio padre, che, appoggiandosi al bastone, ha accennato qualche passo…e a quel punto il mio quasi marito ci è venuto incontro e lì si è avverato un mio sogno che può sembrare sciocco ma mi fa venire i brividi per l’emozione ancora adesso se ci penso: il mio tenero “lui” ha baciato mio padre sulle gaunce, poi ha sollevato la mia mano destra e l’ha sfiorata con le labbra, facendo un delicatissimo baciamano!

Ah, Lilli! Non puoi capire cosa sia stato per me! Ho sempre pensato che uno sposo che accoglie la sua sposa non debba baciarla sulle guance perchè mica è una sua amica, nè tantomeno sulla fronte perchè non è sua figlia, nè sulle labbra perchè sarebbe poco opportuno in quel momento…il baciamano invece è un gesto che racchiude in sè romanticismo, eleganza e delicatezza.

Non ero certa che lui l’avrebbe fatto, credevo si sarebbe imbarazzato…e invece mi ha reso davvero felice!!!

 

Il giorno più bello (prima parte)ultima modifica: 2010-05-03T19:28:00+00:00da maris-73
Reposta per primo quest’articolo

4 Commenti

  • cavolo……mi hai fatto venire i brividi….

    che magnifica emozione deve essere stata……aspetto di leggere il resto allora!!!

  • eh si, cara Nene, è stato bellissimo! grazie per essere passata a “leggermi”!

  • Ciao Maris
    ti ho scoperta per caso arrivo dal blog di Paola, homemademamma, leggendo i commenti al suo post dei libri mi ha incuriosita il tuo nome … non l’avevo mai visto prima ed eccomi arrivare qui e a piangere per il tuo matrimonio!!!
    troppo bello il tuo racconto … veramente emozionante … e poi forse anch’io sono come te, mi emoziono sempre piango ai matrimoni, piango ai battesimi, piango alle prime comunioni … piango con un libro … insomma piango sempre … ma al mio matrimonio non ho versato una lacrima … fino a dopo che è finita tutta la cerimonia e ho visto due bambine della mia classe con delle margherite in mano … non sono più riuscita a trattenere le lacrime!!!

    In bocca al lupo per il tuo nuovo diario e tornerò sicuramente
    buon fine settimana Patrizia

  • Patrizia sono davvero felice della tua visita :-)! E’ bello sapere che qualcuno si è emozionato leggendo quacosa che ho scritto…E’ proprio per questo che amo scrivere, per condividere con qualcun altro le mie sensazioni, i miei pensieri e regalare se posso un’emozione. Ti ringrazio fin d’ora se tornerai a visitarmi!
    Ora scappo a dare un’occhiata al tuo blog, naturalmente 😉 Ciao, a presto!

Lascia un commento